Up next


Ponte Morandi - La verità

722 Views
MidaRiva
2
Published on 14 Aug 2019 / In Manipolazione Mediatica

Ad un anno di distanza dai drammatici eventi che hanno visto sparire dall'orizzonte Genovese il ponte Morandi, siamo qui a riassumere velocemente le fasi del crollo e ad analizzarne le cause reali, che nulla hanno a che vedere con un cedimento strutturale.

Sono le 11:36:25. Un finto incidente stradale ferma il traffico veicolare da e verso La Spezia. Una coda inizia a formarsi in direzione La Spezia, mentre la telecamera della società Autostrade per l'Italia, ci mostra mezzi ancora provenire a velocità sostenuta in direzione Ventimiglia.

Le analisi digitalizzate delle sequenze, mostrano che il ponte è ancora intatto sino alla fine delle riprese video e cioè sino alle 11:36:37. Inoltre, le immagini fornite successivamente dalla Guardia di Finanza di Genova, evidenziano come il ponte sul Polcevera sia ancora in piedi oltre le 11:40. Di conseguenza l'orario ufficiale del crollo non è quello corrispondente a quanto verificatosi nei fatti. D'altronde diverse testimonianze avvalorano questa tesi.

Una volta che il traffico veicolare è stato fermato, si da il via al brillamento. Le cariche esplosive sono state già predisposte nei giorni precedenti e sottoposte ad ultime verifiche nella notte del 14 (numerosi testimoni parlano di lavori notturni sotto la pila 9 poi crollata).

Un'ora prima una cella "autorigenerante" è stata spinta su Genova, mediante impiego di un apparato definito TMC65, come mostrato dalle mappe satellitari di quelle ore. Un violento temporale (secondo molti testimoni il più violento mai visto abbattersi su Genova) invade di acqua, nebbia, tuoni e fulmini, il panorama attorno al viadotto. Il nubifragio è stato causato proprio in previsione della demolizione controllata per mimetizzare i lampi delle cariche esplosive e per abbattere la nube piroclastica che si sarebbe generata a seguito delle esplosioni di C4 e nanotermite.

A riprova dell'uso di cariche dinamitarde si possono osservare i resti delle travi troncate, che sono visibilmente anneriti, carbonizzati. Questo è un evento, come confermato dall'Ingegner Vito Segantini, che può verificarsi solo a seguito di una demolizione controllata.

La prima sezione di ponte che viene interessata dal crollo programmato (come da prassi) è la trave Gerber che, semplicemente appoggiata, funge da collegamento tra gli impalcati provenienti dalle pile 9 e 10 e non ha funzioni di sostegno. Il crollo della trave Gerber non è compatibile con un cedimento strutturale e scagiona i tiranti (o stralli) che, sin dall'inizio, sono stati accusati di essere gli unici responsabili del crollo del ponte Morandi.

L'impalcato orizzontale, ritrovato poi al suolo completamente capovolto, longitudinalmente, è un altro elemento che scagiona gli stralli. Infatti questo inusuale movimento rotatorio della trave orizzontale, ancorata alla pila 9, può essere giustificato solo se è venuto a mancare il sostegno dei tiranti a V, sicuramente i primi a saltare. L'improvvisa mancanza di ancoraggio sui piloni a V ha determinato una spinta verso il basso, provocata dagli stralli che, trovatisi senza equilibrio statico, hanno cagionato il ribaltamento della trave orizzontale ad essi ancorata. In definitiva i tiranti hanno ceduto per trazione SOLO dopo che era venuto a mancare il sostegno delle travi portanti a V (tagliate dalle cariche di C4) e per via del conseguente cedimento dell'impalcato orizzontale.

Il ponte Morandi è stato scientemente abbattuto. Tutto il resto è vile inganno.

Approfondimenti:

Crollo del ponte Morandi: chi ha deciso la demolizione controllata e perché: http://www.tankerenemy.com/201....8/08/crollo-del-pont

Ponte Morandi: ingegneri confermano che è stato fatto brillare: https://youtu.be/rrwVkfQvFT8

Ponte Morandi: il video desecretato della Ferrometal è un ennesimo falso: https://youtu.be/_hWNdb5NgBw

QUEL GIORNO MALEDETTO SUL POLCEVERA: https://youtu.be/xLHWztCX8Yc

Help us caption & translate this video!

https://amara.org/v/qf7k/

Show more
0 Comments sort Sort By

Up next