AIUTI A KIEV ▷ MICHETTI: “A CHI NON HA IL PANE IN ITALIA NON PUOI DIRE ‘MUORI’ PER INVIARE ARMI LÀ”

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

▷ COMPILA IL QUESTIONARIO, ASCOLTA LA TUA VOGLIA DI ESPRIMERTI: http://q.opinioni.net/access/radioradio.php?prov=site2#bollette

Non accenna a terminare la #guerra tra #Russia e #Ucraina. Ed è ormai evidente che l’inverno complicherà non solo la situazione sul campo, ma anche quella economica di #Kiev e dei Paesi europei. Sul punto, il Prof. #EnricoMichetti non ha mezze misure: “Dobbiamo chiudere questa guerra, dobbiamo metterli davanti a un tavolo, come è successo a #Vienna, a #Parigi e a #Yalta, per fare in modo che le ragioni degli uni vengano messe insieme alle ragioni degli altri, così da trovare un compromesso perché la guerra non la può sostenere nessuno. Questo ce lo dobbiamo mettere in testa. Qui invece mi sembra che valgano, quando ci sono degli interessi, alcune ragioni di principio, ma gli interessi oggi sono contrapposti allo sviluppo del Paese. Non c’è più nessuno che ragiona“.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Sono molti gli Stati – Italia in testa – che hanno deciso di mettere le proprie risorse belliche al servizio dell’Ucraina. Ma per quanto potrà andare avanti l’#inviodiarmi? “I Paesi europei tra un po’ non saranno più nelle condizioni di dare armi agli ucraini perché se hai gente che non ha il pane, tu non puoi dirgli ‘tu muori perché dobbiamo mandare #carriarmati in Ucraina’. La Russia ha sempre vinto la gran parte delle sue battaglie d’inverno: toglierà all’Ucraina #gas ed #elettricità. Se in inverno gli togli queste due cose, possono avere tutte le armi che vogliono, ma dove vanno?”.