ATTIVISTA FEMMINISTA DEMOLISCE IL “FEMMINILE SOVRAESTESO” NELLE UNIVERSITÀ ▷ “PREOCCUPA VERAMENTE”

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

L’Università di Trento ha varato il regolamento d’ateneo, ma spicca una novità: è scritto utilizzando il femminile sovraesteso per le cariche e le referenze di genere. La presidente, la rettrice, la segretaria, la decana, la candidata e le professoresse. Sono queste le terminologie presenti nel testo, ripetute a più riprese, indipendentemente dal genere a cui fanno riferimento.

Il femminile sovraesteso è un approccio linguistico che utilizza la forma al femminile come predefinita, sia quando si sta parlando del genere maschile o femminile, sia di persone con genere non specificato. Quanto, di fatto, accade da sempre, ma con la forma al maschile. Non a caso è, infatti, un uso linguistico nato per rendere il linguaggio più inclusivo e rappresentativo e per contrastare la discriminazione di genere che da sempre passa (anche) attraverso il linguaggio.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Condividi: