Austria, l’ex cancelliere Kurz a 35 anni dice addio alla politica

https://www.youtube.com/watch?v=HAzzOo4oFb4

Roma, 2 dic. (askanews) – Kurz dice addio alla politica, ad appena due mesi dalle dimissioni da capo del governo dopo essere finito in mezzo a uno scandalo di corruzione. Divenuto il più giovane cancelliere dell’Austria, a soli 31 anni nel 2017, Kurz in conferenza stampa ha detto che per lui è l’inizio di una nuova vita, che ora potrà dedicare maggiormente al figlio nato da poco.
Una decisione comunque "non facile": "Non sono né un santo, né un criminale, sono un essere umano con punti di forza e debolezze, con errori e successi e ogni altra cosa che ne consegue", ha spiegato Kurz, che nel giro di 10 anni è stato sottosegretario, ministro degli Esteri e cancelliere. "Nelle prossime settimane garantirò un ordinato passaggio di consegne di tutte le mie funzioni politiche", ha aggiunto, mentre la stampa austriaca scrive che il ministro dell’Interno Karl Nehammer dovrebbe diventare il nuovo capo del partito.
Kurz, 35 anni, aveva lasciato la carica il 9 ottobre 2021 in seguito all’apertura di un’inchiesta per corruzione, pur rimanendo alla testa del suo partito, l’Oevp; alla guida del governo è stato nominato Alexander Schallenberg, uno dei suoi più stretti collaboratori.
Kurz è accusato di malversazione di fondi pubblici: secondo la Procura i fatti risalirebbero al periodo 2016-2018 e il denaro sarebbe stato usato per finanziare dei sondaggi falsificati e una copertura favorevole da parte di un importante gruppo mediatico, Oesterreich; quest’ultimo avrebbe beneficiato anche di lucrativi contratti pubblicitari.
Il Parlamento austriaco ha revocato l’immunità parlamentare di Kurz due settimane fa; nel corso dell’inchiesta la polizia ha perquisito sia la Cancelleria che il ministero delle Finanze.