Autonomia differenziata, CGIL-CISL-UIL: “Sistema di istruzione è unitario, ci batteremo contro”

Autonomia differenziata, CGIL-CISL-UIL: "Sistema di istruzione è unitario, ci batteremo contro"

I sindacati hanno presentato una proposta di legge costituzionale di iniziativa popolare

(Roma). Questa mattina si è tenuta la conferenza stampa per la presentazione della proposta di legge costituzionale di iniziativa popolare contro l’autonomia differenziata da parte dei sindacati della scuola. Ci siamo battuti contro la prima proposta di autonomia differenziata e oggi discutiamo il problema alla radice per far sì che a scuola abbiano tutti le stesse opportunità a prescindere da dove nascano." Ha dichiarato il Segretario Generale della Federazione lavoratori della conoscenza CGIL Francesco Sinopoli. "L’iniziativa è in continuità col nostro pensiero, il sistema di istruzione è unitario e va rappresentato a livello nazionale." Ha dichiarato Ivana Barbacci segretaria di CISL Scuola. "Servono iniziative che facciano conoscere ai cittadini con trasparenza il tema del dibattito. Proporremo un disegno di legge Costituzionale di iniziativa popolare che propone una modifica dell’ordinamento costituzionale voluto dal legislatore del 2001." Ha dichiarato Giancarlo Turi di UIL Scuola. (Nicolo’ Morocutti/alanews)

—- Trascrizione generata automaticamente —-
Francesco Sinopoli segretario generale della federazione lavoratori della conoscenza CGIL noi oggi promuoviamo un’iniziativa che per noi rappresenta la continuazione di un percorso che abbiamo inviato unitariamente mi fa abbiamo sempre sostenuto che la competenza dell’Istruzione debba essere una competenza esclusiva dello Stato ci siamo battuti quando era stata avanzata la prima proposta di autonomia differenziata dal governo Conte tutti insieme oggi pensiamo che si debba risolvere il problema alla radice discutendo punto devi portare quella competenza nell’esclusiva potestà la scuola deve essere nazionale a scuola deve rispondere ai bisogni tutto il paese lo stesso modo e non deve alimentare le disuguaglianze ma deve al contrario contenerle e semmai portare tutti ad avere le stesse possibilità a prescindere dal territorio personaggio Ivana Barbacci segretaria generale della CISL scuola l’iniziativa è in continuità il nostro pensiero per cui il sistema di istruzione è un sistema unitario che deve essere rappresentato a livello nazionale è un percorso che nasce da lontano e che quindi si colloca in un’idea di scuola del paese questo ci aiuta anche a sostenere le iniziative del PNR R che intervengono ad esempio sul superamento dei divari territoriali tenere insieme il sistema d’istruzione significa anche superare le diseguaglianze e fare in modo che anche quelle realtà più fragili siano in grado di potersi collocare in una dimensione di emancipazione di sostegno e di sviluppo che fino ad oggi sono mancate Quindi per noi la scuola è un bene comune è un bene del paese per questo va trattata in dimensione di sistema Nazionale unitario l’iniziativa di oggi per noi ha un valore veramente importante perché è a partire da oggi Attendiamo trattare il tema quello dell’Autonomia differenziata quella regionale differenziata diciamo il prefiggendosi una finalità essenzialmente quella di far uscire dalle secche di Dattilo troppo angusto che ha interessato diciamo il Parlamento in maniera molto molto limitata gioco con iniziative di grande respiro che porti una conoscenza dei cittadini quello che sta riguardando questo ambito Quindi abbiamo questa forte esigenza di dare il massimo della trasparenza e la tecnicalità usata quella di un disegno di legge costituzionale Di iniziativa ha finalità importanti sostanzialmente propone una modifica di quella che l’ordinamento costituzionale voluto dal legislatore del 2001 quindi diciamo c’è una modifica della Costituzione attraverso questa iniziativa e soprattutto abbiamo l’esigenza che diciamo su questo tema si accenda il massimo della visibilità e ci sia il massimo della partecipazione