BERGOGLIO PARTECIPA A UN RITO PAGANO? ▷ CIONCI RIVELA: “QUELL’ATTO GRANDE SEGNO SU CODICE RATZINGER”

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

▷ COMPILA IL QUESTIONARIO, ASCOLTA LA TUA VOGLIA DI ESPRIMERTI: http://q.opinioni.net/access/radioradio.php?prov=site2

"Codice #Ratzinger" è attualmente tra i saggi più letti in Italia. Il suo autore Andrea #Cionci, storico dell’arte, giornalista e scrittore, ha ricostruito al suo interno la questione dei due papi, entrambi in vita, ma non entrambi effettivamente papi. In che senso?
Papa #Benedetto in realtà non avrebbe mai abdicato al titolo, e caso vuole che da 9 anni ripeta che "il Papa è uno solo" senza mai specificare quale. Ratzinger non ha infatti mai rinunciato al Munus, bensì si è ritirato in sede impedita – cioè in uno stato di prigionia – motivo per cui vive ancora in Vaticano, ancora vestito di bianco, ancora con il nome pontificale e in grado di impartire la benedizione apostolica.
Chi lo dice? Diversi canonisti, nonché la sua Declaratio dell’11 febbraio 2013, ma molti vedono anche nel suo linguaggio ambiguo un segnale chiaro del suo essere ancora in carica.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Questo, in quanto #Papa, lo farebbe per dire esclusivamente la verità. Quando infatti Benedetto dice "ho rinunciato al mio #Ministero" c’è un gap di traduzione in italiano: Munus e Ministerium si traducono dal latino entrambi come ‘Ministero’, ma esclusivamente rinunciando al Munus c’è l’abdicazione vera e propria. E rinunciando al Ministerium? Si va in sede impedita (attuale situazione). Una verità che sconvolge, quando non scandalizza, ma mai smentita fin dalle prime divulgazioni di giornalisti come Cionci.

Ma allora come andavano gestite le dimissioni di Ratzinger perché ciò non accadesse?
Prima del #Conclave Benedetto avrebbe dovuto nominare un prelato che gestisse, nel momento di transizione, le funzioni pratiche del potere. "Lui avrebbe potuto senz’altro nominare un vicario, ma non lo ha fatto; gli hanno nominato alle spalle un Conclave invalido – perché può essere regolato solo con il Papa precedente morto o regolarmente abdicatario – quindi Bergoglio", ricorda Cionci, "è assolutamente illegittimo".
Cos’ha fatto a quel punto Ratzinger? "Ha indotto in tentazione i suoi nemici, che volevano toglierlo di mezzo a tutti i costi – anche con un complotto di assassinio portato alla luce da Marco Lillo del Fatto Quotidiano – mettendoli alla prova. Prova che loro hanno fallito".

Ma non è tutto: prova del fatto che #Bergoglio non avrebbe il Munus Petrino (dunque, secondo dogmi cattolici, l’aiuto dello Spirito Santo) proverrebbe dalla sua visita in Canada di fine luglio, nella quale avrebbe preso parte a un rituale Inuit delle confessioni locali: atto impossibile da compiere per il vero Papa secondo dottrina, e che non può essere considerato per diverse ragioni un gesto di fratellanza e condivisione.
Approfondiamo nell’intervista ai microfoni di Francesco Vergovich.