BOLLETTE, SOCIETÀ ENERGETICHE A RISCHIO DIFFIDA ▷ DI GIOVAMBATTISTA: “RISCONTRATE GRAVI VIOLAZIONI”

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

Ci sono novità sull’iniziativa intrapresa da #RadioRadio contro il caro #bollette: "Dopo settimane di duro lavoro il pool che abbiamo creato tra avvocati e tecnici ha trovato la via giuridica per inchiodare le società energetiche che stanno facendo danni veramente irreparabili con un comportamento assolutamente fuori dagli accordi e totalmente illegittimo". A riferirlo il direttore Ilario #DiGiovambattista, che ci aggiornerà man mano sulla situazione probabilmente scaturita da una speculazione illegittima: "Stanno mettendo in difficoltà imprenditori, negozianti, artigiani, imprese e la stessa Radio Radio: paghiamo 30-40mila euro in più al mese di #energia. Siamo al limite della follia".

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

L’Autorità Garante della Concorrenza ha già emesso quattro provvedimenti nei confronti di quattro società energetiche, e altre 25 – cioè la totalità – devono dare delle risposte urgenti. Che tardano però ad arrivare, perché queste società non riescono a dare risposte su quello che sta succedendo.
"Peraltro abbiamo già riscontrato gravissime #violazioni anche del mercato tutelato, mercato che non va toccato fino al 30 aprile 2023: se avete ricevuto aumenti vi debbono restituire i soldi".

Per questo abbiamo creato una mail: tutelacarobollette@radioradio.it. Potete scrivere lì o mandare ora un messaggio al 3775104500 scrivendo il nome dell’azienda che rappresentate. Vi metteremo in contatto con questo pool per verificare se il contratto sottoscritto è violato o è del tutto applicato.
Stiamo riscontrando enormi violazioni e chiederemo la restituzione dei soldi in più rispetto allo stesso mese dello scorso anno. "Diffideremo le società energetiche dall’emanare queste bollette non pagabili", conclude Di Giovambattista, "altrimenti andiamo in tribunale, dove dovranno dimostrare che queste bollette sono davvero il frutto di un nuovo acquisto di energia pari alle cifre aumentate rispetto all’anno scorso. Cosa che – già lo diciamo – non è reale".