Covid, quanto e perché dobbiamo preoccuparci di Omicron 5

Fonte:

I nuovi contagi sono in continua crescita, soprattutto a causa della sottovariante che si sta diffondendo a grande velocità. Ma l’estate non era il periodo dell’anno in cui il Coronavirus era solito circolare di meno? L’immunologo Mario Clerici spiega che quanto sta accadendo non è così grave. Ma, avverte Vera Martinella, il fatto che grazie ai vaccini la malattia resti tutto sommato leggera, non mette al riparo da conseguenze pesanti sul lungo periodo.

Per altri approfondimenti:
– Vaccino Covid: chi deve fare la quarta dose? Quando e perché? Quello che c’è da sapere https://bit.ly/39KHfhS
– Covid in Italia: impennata di Omicron 5 al 23% https://bit.ly/3ycv4E4
– I sintomi del Long Covid, che colpisce un malato su due: dalla caduta dei capelli alla “nebbia mentale” https://bit.ly/3tSwalG