DE DONNO, IL COMMOVENTE RICORDO ▷ “ANCH’IO, INFERMIERE, HO VISSUTO LE CONSEGUENZE DEL POTERE”

Il 27 luglio scorso ci lasciava #GiuseppeDeDonno, 54 anni, ex pneumologo e primario dell’ospedale di #Mantova. Era stato il fautore del metodo anti-Covid con trasfusioni di sangue autoimmune, poi bocciato dalla #comunitàscientifica. Eppure, in molti hanno testimoniato l’efficacia del suo rimedio, tanto da diventare un simbolo per coloro che combattono contro il pensiero unico. Tra questi, #RaffaeleVarvara, infermiere e Presidente dell’associazione ‘#Disanaerobustacostituzione’.

“Il 30 luglio successivo alla sua morte avevamo organizzato una manifestazione sotto l’Ordine degli Infermieri. In quell’occasione, mi colpì uno striscione che è un po’ l’emblema dei tempi moderni: ‘De Donno=#Matteotti’. Il suo è il destino che tocca a chi lotta per la libertà, la verità e la giustizia. Io non posso paragonarmi a lui ma nel mio piccolo, con il licenziamento ingiusto che ho subito, ho vissuto sulla mia pelle le ripercussioni del potere quando c’è qualcuno che lo incalza, testimoniando la verità, la libertà e la giustizia”.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

“Ora si sta crepando il muro del pensiero unico scientificamente corretto. In generale, De Donno ha avuto il grande merito di combattere il decadimento della #scienzamedica, che purtroppo riduce la malattia a disfunzione d’organo: questa medicina ha una visione dell’uomo molto riduzionista e materialista, quindi non può che tirare fuori dei protocolli di cura così mortiferi, a base di tachipirina e di una #campagnavaccinale squallida. Bisogna apportare una rivoluzione culturale della medicina, un nuovo modo di essere medico, di interpretare la #medicina. Questo lo può fare solo una nuova organizzazione che irrompe sulla scena e smentisce un modo di essere medico e ne inaugura un altro più aderente ai bisogni della nuova umanità. De Donno era uno dei pochi che già aveva compiuto questo passo e quindi era un esempio da mettere al bando“.