DELEGA FISCALE, CAOS ALLA CAMERA ▷ FORCINITI: “DOBBIAMO SBRIGARCI, COSÌ HA DECISO IL SULTANO DRAGHI”

La delega al governo per la #riformafiscale continua ad accendere malumori. La seduta di stamattina alla #cameradeideputati aveva come obiettivo, tra gli altri, proprio l’esame del disegno di legge che dovrebbe permettere al Governo di migliorare l’efficienza del sistema fiscale attraverso l’adozione di provvedimenti, quali la revisione delle aliquote marginali effettive, l’allineamento dei valori catastali a quelli di mercato e il taglio delle spese fiscali. Un esame che si sarebbe dovuto tenere nel pomeriggio, alle 16, ma che è stato anticipato a mezzogiorno, creando scompiglio. Il primo a intervenire è #RiccardoZucconi (#Fratellid’Italia), chiedendo alla vicepresidente della Camera, #MariaEderaSpadoni, di posticipare di almeno un’ora la discussione per consentire ai colleghi di arrivare in aula: "Questo è un modo assolutamente sciatto e incredibile. Noi abbiamo dato fiducia a quanto ci veniva riferito dai gruppi di maggioranza. Non è un modo corretto di comportarsi".

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Spadoni mette ai voti la richiesta di sospensione della seduta del deputato. A prendere la parola è un furioso #FrancescoForciniti (#Alternativa): "Se questo Parlamento ha ancora un senso, non è possibile prendere l’ultimo punto all’ordine del giorno e sbatterlo al primo posto senza un minuto di preavviso e senza darci un minuto per prendere gli appunti e consultare i fascicoli. Se ancora ha un senso parlare di centralità del #Parlamento, oppure vogliamo ridurci noi stessi a meri pigia-bottoni. Non ha senso che questa maggioranza, la più ipocrita e vergognosa della storia, pieghi le istituzioni a suo uso e consumo, magari perché è arrivato l’ordine dal sultano Draghi di spicciarci con la delega fiscale […] Ma che modo di comportarsi è? Che razza di rispetto c’è per quest’aula? Un’ora di sospensione è il minimo se vogliamo che questa discussione sia seria e compiuta con un minimo di consapevolezza".