Discriminazione del Green pass? Per il mainstream non esiste: ascoltate le parole di Myrta Merlino

Il miglior modo per sanificare, come oggi è in voga dire, la propria dimora consiste nel liberarla dalla televisione. La televisione è il potere in salotto, diceva Baudrillard, ossia una centrale d’informazione allineata mediante la quale viene colonizzata la nostra dimora, il nostro spazio più sacro.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Pur non avendo la televisione mi capita di vedere spezzoni televisivi mediante l’internet. L’altro giorno mi sono imbattuto in un passaggio che mi ha colpito della giornalista di LA7 Myrta Merlino, la quale si contraddistingue per modi garbati ed eleganti. Queste le sue puntuali parole: "Non sento questa tragedia dell’apartheid". Myrta Merlino si stava riferendo ovviamente a coloro i quali con buone ragioni, a mio giudizio, stanno ampiamente criticando questo sistema di discriminazione in forza del quale si stanno producendo vere e proprie discriminazioni giustificate mediante un lessico medico-scientifico. Noi sappiamo che le discriminazioni sono sempre e comunque inaccettabili.

CONTINUA SU: https://www.radioradio.it/2021/12/discriminazione-del-green-pass-per-il-mainstream-non-esiste-ascoltate-le-parole-di-myrta-merlino/

RadioAttività, lampi del pensiero con #DiegoFusaro