Foibe, Draghi: mai più spazio a divisioni, odio e soprusi

Roma, 10 feb. (askanews) – "Oggi commemoriamo le donne e gli uomini uccisi per mano dei partigiani jugoslavi e dalla persecuzione del regime comunista di Tito. E ricordiamo tutti coloro che furono costretti a lasciare la propria terra. Le loro storie sono un avvertimento quanto mai attuale del pericolo rappresentato dai totalitarismi e dalla violenza politica. Perché quelle divisioni, quell’odio, quei soprusi non trovino mai più spazio né in Italia, né in Europa": lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi, nel suo intervento alla cerimonia per il Giorno del ricordo in Senato alla quale ha presenziato anche il capo dello Stato Sergio Mattarella.

(fonte immagini Palazzo Chigi Youtube)