GLI INTRECCI TRA MAGISTRATURA E POLITICA ▷ SANDRI: “COSÌ RISCHIA LA SALUTE DELLO STATO DI DIRITTO”

In un’epoca in cui le #sceltepolitiche sono sempre più controverse e discusse da una grande fetta di popolazione, perché contrarie – secondo alcuni esperti giuristi – a principi della #Costituzione come lo stesso #articolo1, viene naturale interrogarsi sul ruolo della magistratura. L’organismo, detentore del potere giudiziario, quale margine di intervento ha sulla politica? Possono, i #magistrati, intervenire per indirizzare le scelte politiche? Se sì, in quali termini e con quali limiti?

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Il confine tra il lecito e non lecito, in questo contesto, è molto labile. La #magistratura ha l’obbligo di supervisionare la #politica e le sue scelte, senza però interferire in modo eccessivo con essa, cercando dunque di non imporre e non influenzare. Allo stesso tempo, però, la magistratura non può restare a guardare, allineandosi a tutto ciò che sono le decisioni #politiche: in questo modo, come spiega l’avvocato #MauroSandri a ‘Un Giorno Speciale’, si arriverebbe alla dittatura.