Governo, Verini: “C’è necessità coordinamento opposizioni, ma non dipende dal Pd”

Governo, Verini: "C’è necessità coordinamento opposizioni, ma non dipende dal Pd"

"Siamo stupiti che Renzi continua ad attaccare il Pd, lanciando segnali alla destra al governo"

POLITICA (Roma). "Cosa accadrà nel Pd dopo questi due giorni? Che il partito attrezzerà un’opposizione seria che guarderà al Paese. Da ciò si intreccia anche l’organizzazione del congresso che dovrà essere aperto alla società, coinvolgendo anche le persone e le realtà a sinistra". Così il deputato dem, Walter Verini, entrando al Nazareno per partecipare alla segreteria del PD. "Siamo stupiti che Renzi continua ad attaccare il Pd, lanciando segnali alla destra al governo. Il problema è in chi sta governando che parla di condoni, innalzamento del tetto del contante e abolizione del reddito di cittadinanza. Le opposizioni insieme saranno più incisive ha continuato -. Sono convinto che c’è la necessità di un coordinamento ma non dipende dal Pd perché l’ha più volta ipotizzata questa strada". (Davide Di Carlo/alanews)

—- Trascrizione generata automaticamente —-
e accade che dopo che il governo il partito e promette danni al paese è partito democratico deve apprezzare In opposizione seria e rigorosa e che guardi però al paese reale i suoi problemi e qui si intreccia anche con la preparazione del congresso perché domani la direzione e oltre che definire le priorità dell’opposizione Parlamento e nel paese definirà anche le modalità Alle tappe e anche le regole del congresso però deve essere in questa è l’intenzione è un congresso non tra di noi non chiuso ma aperto aperto una società che coinvolga anche persone forte tanti ambienti che hanno bisogno di avere riferimenti a Sì ma il PD ha bisogno a sua volta di loro contributo di aprirsi insomma questo faremo in segreteria Oggi è in direzione domani Oggi giornali parlavano addirittura quattro posizioni voi dove Guardate cioè si deve fare questo coordinamento delle opposizioni Ma guarda siamo stupiti innanzitutto che c’è una signora dell’opposizione che si chiama Renzi che passa il suo tempo anche quei minuti che aveva ieri ad attaccare solo il Partito Democratico quasi che in maniera più o meno subliminale volesse mandare segnali alla destra e governa Insomma come stampella Mi auguro che non sia il possibile ma detto questo Non è tanto un problema di coordinamento è un problema che questa testa ha già annunciato forse pessime solo ieri solo ieri l’innalzamento del contante che favorisce il riciclo favorisce dimero e l’evasione fiscale e la pace fiscale che vuol dire condoni non si parla di concretamente di iniziative per le imprese e le famiglie è contro il caro energia non si parla di lotta alle diseguaglianze Anzi si vuole abolire il reddito di cittadinanza che con tutti i limiti è una misura anti povertà sono accorto che c’è bisogno che le opposizioni trovino momenti di convergenza sia nel dire no alle cose che la destra propone quelle che sono inaccettabili naturalmente e sia per sostenere le proposte alternative Poi le forme coordinamento non coordinamento si vedranno Non è questo quello il punto Semmai d’arrivo l’essenziale che sui problemi reali che interessano i cittadini italiani li facciano la loro parte insieme saremo più incisivi E comunque il PD farà la sua parte senza aspettare gli altri però non devo lasciare una parte del partito che dici che ordinamento dell’opposizione a fondamentale perché sennò si rischia che la maggioranza continua a dividere ancora di più che minoranza non lo escludo Cioè nel senso che un punto magari ti dico solo che bisogna partire da trovare le convergenze e se ci fosse la possibilità anche rapida di fare il coordinamento delle opposizioni sarebbe secondo me è un fatto positivo però non dipende dal Partito Democratico il quale l’ha già più volte ipotizzata questa strada dipende anche dalle opposizioni non dalle altre funzioni