“I NEO-NAZI IMPERVERSANO IN UCRAINA”. LA DENUNCIA SHOCK ▷ DURANTI: “NEL 2014 GIÀ SAPEVANO TUTTO”

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

L’offensiva russa in #Ucraina si intensifica. Nelle città ucraine cinte d’assedio risuonano gli echi dell’artiglieria russa. La narrazione della guerra nasconde però insidie e facili semplificazioni. La necessità della forma narrativa del racconto bellico comporta per sua stessa natura un processo semplificatorio. La ricostruzione del conflitto assume allora i connotati dello storytelling basato su una struttura binaria e manichea, una divisione tra buoni e cattivi priva di reale profondità.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Il prof. #AlbertoContri, esperto massmediologo, si interroga allora sul racconto mainstream del conflitto in #Ucraina: "Chi sono qui i cattivi?". Prendendo le mosse da un articolo del 2014 della Stampa, #Duranti sottolinea come la narrazione mediatica sia stata rapidamente capovolta, rispetto alla complessità di una guerra dalle dinamiche opache, in un sistema duale che distingue senza mezzi i termini i giusti della #Storia e i loro nemici: "Questo dimostra come la stampa sia ondivaga. Come vada dalla parte di chi gli fa comodo o finanzia, non c’è più un giornalismo veramente indipendente". Ma nello scontro armato e nelle sfumature infinite della realtà, chi può dirsi sempre senza macchia?

LINK ARTICOLO COMPLETO: https://bit.ly/3hLRkM9