IL DISCORSO DELL’ON. CABRAS ALLA CAMERA ▷ “NUOVE FORME DI TOTALITARISMO SORGONO IN EUROPA”

Alla #Camera, nella giornata del 21 ottobre, è andata in scena la mozione per parlare di iniziative volte a dare seguito al dettato costituzionale in materia di divieto di riorganizzazione del disciolto #partitofascista. Tra gli interpellati anche #PinoCabras, che ha commentato la mozione alla luce dei fatti dei giorni passati.
"Il #Governo usa mezzi da #statototalitario per aggredire #manifestazioni libere. Proprio oggi l’intervento della polizia al #liceoRipetta di #Roma, poi lo sgombero di Genova, Trieste e la vergognosa gestione della piazza di #Roma. La ricostruzione della ministra #Lamorgese è irridente nei confronti del Parlamento. Mentre qui discutiamo di mozioni che non hanno efficacia giuridica, il #Governo mette al sicuro gli oligarchi, prende decisioni gravi sul PNRR".

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Impossibile, per #Cabras, non far riferimento a quanto accaduto poche settimane fa a #Roma, quando durante una manifestazione pacifica contro il #GreenPass per i lavoratori, una frangia estremista ha assalito la sede della #CGIL: "La #manifestazionediRoma ha visto la partecipazione di masse non violente. C’è stata poi una frangia violenta che è stata docilmente accompagnata ad assaltare la sede della #CGIL con la scorta della polizia. Allora puniamo i colpevoli, facciamo agire la #Legge.
Tutta questa roboante azione di convincimento pubblico che esista una spaventosa emergenza fascista, si è risolta in una bolla di sapone".

Il discorso si allarga poi all’#Europa: proprio nella parte orientale, secondo il parlamentare, ci sarebbero nuove forme di fascismi tutelati anche da parte di classi dirigenti occidentali: "Le Istituzioni europee in questi ultimi dieci anni hanno via via accettato la presenza di una memoria aggressiva contro gli antinazisti nell’#Europa dell’Est. C’è una memoria che si rifà al nazismo, alle SS, che si è rafforzata nell’#Europa orientale con la complicità delle #classi dirigenti occidentali, dove si è stabilito un antifascismo di nuovo conio che assimila a fascismo ciò che non lo è. Questo viene usato per giustificare #censure e caccia alle streghe. Condanniamo quindi il fascismo del ventesimo secolo, le organizzazioni violente, però dobbiamo individuare le nuove forme di #totalitarismo".