Il Peggio deve ancora venire: Pesante Crollo nel 2023. Perché?

L’allentamento sui rialzo dei tassi non porterà ossigeno sui mercati nel 2023. Ecco perché.

▶️Richieste commerciali: becurious.business@gmail.com
▶️Instagram: https://instagram.com/be_curious_finance

★★★Servizi che consiglio★★★

✅Broker che uso (ottieni un’azione fino a 600$)
https://freedom24.com/invite/?utm_source=referral&utm_medium=invite&utm_campaign=pfu1999749

Migliori conti correnti
💳Selfy Mediolanum: https://bit.ly/3o16zF8
💳 Conto Sella: https://bit.ly/3y7eKmE
💳Hype (anche per minorenni)
https://bit.ly/2WUyH1w

Molti investitori si illudono pensando che se la Fed comincerà ad allentare la sua morsa sui tassi di interesse a Dicembre, il mercato ripartirà dando vita alla prossima bull run. In realtà un piccolo rally potrebbe farsi vivo, ma storicamente parlando durerebbe poco. Se infatti guardiamo le recessioni passate, quando la FED diventa più morbida con i tassi, il mercato crolla di un altro 28% di media e il fondo di mercato viene raggiunto dopo circa 14 mesi. Questo accade perché la recessione implica un forte peggioramento dell’economia. Durante una recessione l’innalzamento dei tassi ha effetti diretti su famiglie e imprese in quanto il costo del debito aumento. Con esso diminuiscono le prospettiva di crescita delle società e di conseguenza le valutazioni in borsa. Le aziende tagliano il personale e i consumi si riducono e con essi il PIL precipita. Tutto rallenta fino a quando una nuova fase di espansione non prende piede lasciando intravedere un nuovo mercato rialzista.

00:00:00 cos’è il Fed Pivot
00:01:48 relazione tassi-mercati
00:04:56 Fed Pivot dietro l’angolo?
00:06:26 cosa accadrà ai mercati nel 2023