Incendio a Milano, condomini: “Chiesto incontro con sindaco ma non siamo stati ancora convocati”

Incendio a Milano, condomini: "Chiesto incontro con sindaco ma non siamo stati ancora convocati"

"Istituzioni? Al momento ci sentiamo soli. Stiamo affrontando noi tutte le spese"

(Milano). "Vogliamo parlare con il sindaco": è questa la richiesta dei condomini della Torre dei Moro di via Antonini, il grattacielo andato a fuoco a Milano. Questa mattina le 70 famiglie che nell’incendio hanno perso casa si sono riunite in una palestra affittata per l’occasione per un’assemblea straordinaria. "Abbiamo composto una commissione di esperti, in cui io mi occuperò della comunicazione – spiega Mirko Berti, uno degli inquilini. "Abbiamo chiesto un incontro con il Sindaco, ma al momento non siamo stati ancora convocati". Gli inquilini della palazzina si dicono "uniti" nella gestione di questa emergenza, ma ammettono che vi è molta preoccupazione per il futuro: "ci sentiamo come i terremotati", le parole di Marco all’uscita della riunione straordinaria. (Francesco Maviglia/alanews)

—- Trascrizione generata automaticamente —-
è il messaggio che ci serve veicolare oggi è quello che è quello che ho fatto prima ossia chiediamo un aiuto a tutti c’è un conto con condominiale che abbiamo creato faremo anche una pagina Social a breve chiediamo aiuto tutta la comunità Milanese in particolare le grandi famiglie e di impresa d i Milano è inutile che gli faccio i nomi conosciuti sono Dopodiché a livello diciamo amministrazione abbiamo fatto una richiesta più volte a sindaco alla segreteria del sindaco per essere convocati al momento non siamo stati convocati è chiaro che oggi non abbiamo ancora nessuna risposta e è fondamentale adesso nel breve trovare però delle risposte alla parte quella logistica più mediata che serve Oh però ci sono 70 famiglie di cui alcune si sono già organizzate ma una parte non ho bisogno di andare in hotel o di trovare degli alloggi in questo momento mi risulta che non ci sia ancora nessun accordo con le istituzioni sarà fondamentale l’aiuto delle istituzioni quindi all’inizio andremo probabilmente in qualche hotel pagato con quelli che sono i fondi della cassa del nostro condominio ma poi questi fondi si esauriranno Press In ogni caso sono soldi nostri quindi c’è bisogno che qualcuno ci aiuti e naturalmente è abbiamo anche pensato a un a Un IBAN di solidarietà per queste 70 famiglia per le persone che ci vorranno aiutare per le istituzioni per le famiglie importanti di Milano che potranno essere sensibili avere a cuore questa sciagura Noi siamo come dei terremotati abbiamo perso tutto siamo in mezzo alla strada con dei bambini piccoli e quindi per adesso non ci sono grandi risposte ma tanti domande e soprattutto tanto bisogno di aiuto generale il clima di questa rabbia più porto più il clima è quello di persone che hanno perso tutto devo dire che siamo abbastanza Uniti è chiaro che c’è qualcuno che magari fuori le righe e più esasperato vorrebbe avere delle risposte immediate ma bisogna dotarsi ovviamente di pazienza ma il primo e collaborativo e cerchiamo di essere molto compatti ed essere guidati amministratore passodopopasso stiamo attendendo delle risposte la riunione qui viene fatta qua adesso è stata fatta per per avere diciamo delle risposte immediate su qualcosa che non ti aspettiamo alloggio assicurazioni abbiamo soltanto i bambini per strada e un supporto e soprattutto diciamo un assistente un rimborso immediato di qualcosa speriamo che arrivi qualcosa più presto istruzioni è una parola molto grossa siccome abbiamo avuto tantissima solidarietà da parte di tutti amici e parenti colleghi però diciamo istituzioni è una parola molto grossa Social Qualcosa di scritto e Adesso sinceramente non vediamo niente di pratico non lo sappiamo a parte alberghi precedente anche questo sempre sinceramente non sappiamo niente tutte queste cose Adesso sono un supporto da parte di amici Comunque stanno pensando anche per gli alloggi per quanto riguarda i alberghi diciamo e residence