“LA FINANZA MONDIALE HA GIÀ DECISO SUL FUTURO DI DRAGHI” ▷ CAMUSO: “SCENARIO CONTRO OGNI SOVRANITÀ”

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

La #GoldmanSachs ha parlato: "dalle elezioni nel 2023 rischi per il #debito italiano".
La teoria della grande banca americana è che i rendimenti siano vicini al livello oltre il quale sarebbero necessarie riforme strutturali e la vittoria della coalizione #Fratelli d’Italia – #Lega potrebbe andare ad aumentare l’incertezza sull’attuazione del #RecoveryFund.

La Goldman parla di "limite di #rendimento", ovvero la soglia oltre la quale il rendimento delle #obbligazioni porterebbe a un aumento del rapporto tra #debito e #Pil, innescando una spirale negativa. L’Italia si sta rapidamente avvicinando a questo tetto e un eventuale sfondamento potrebbe renderebbe necessarie "riforme significative" per riportare il rapporto debito-Pil sotto controllo.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

La tenuta futura dei #bilanci, secondo Goldman Sachs, dipenderà soprattutto dall’esito delle prossime #elezioni previste nella primavera 2023. A differenza di quanto avviene in altri paesi, a parere di Goldman Sachs, i gruppi politici favoriti al voto in #Italia non condividono la volontà di mantenere e accelerare l’integrazione europea. I più scettici in questo ambito (Fratelli d’Italia e Lega) potrebbero portare ad un aumento dell’incertezza riguardo all’attuazione del Recovery Fund, al suo impatto sulla crescita e di conseguenza al suo contributo alla sostenibilità del debito".

Il quotidiano "#IlTempo" ha ripreso la notizia esordendo con un critico "#MarioDraghi premier anche dopo il 2023. La #finanza mondiale ha già deciso". L’attuale #PresidentedelConsiglio potrebbe succedere a se stesso "senza neanche lo sforzo di candidarsi" perché la grande finanza è preoccupata da quello che potrebbe succedere ai conti pubblici italiani quando i partiti torneranno in campo alle urne. Il fondo richiede un forte grado di coerenza politica nel tempo, cosa che una volta concluso il mandato del governo Draghi è tutt’altro che scontata.

Di questa situazione ha parlato #AngelaCamuso a "#UnGiornoSpeciale".