La madonna di Cremona assume forme dissacranti: il capitalismo non sa più che farsene del sacro

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

Sta facendo discutere (con posizioni assai differenziate) la scelta del #CremonaPride di esibire in pubblico una Madonna con i seni scoperti. Su “La Stampa” di Torino ad esempio (ma in vero la notizia si trova su tutti i principali quotidiani nazionali) compare l’immagine della Madonna ignuda con i seni scoperti e con uno sguardo volutamente provocante con la scritta che segue: “Cremona Pride, il passaggio della Madonna con i seni scoperti”.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Ora (sia chiaro) la #libertà di esprimere il proprio pensiero e magari anche il proprio dissenso è sacrosanta. Altra cosa tuttavia (come è evidente) è l’offesa dei simboli di una #religione, l’offesa di ciò che per una religione è sacro. Dove finisce la libertà di espressione e dove inizia la #diffamazione? Faccio notare per inciso che giustamente gli stessi del Pride se venissero mai diffamati si adombrerebbero e avrebbero buone ragioni per farlo. Tuttavia sono i primi poi (in questo caso) a diffamare i simboli del #Sacro.

#RadioAttività, lampi del pensiero quotidiano – Con #DiegoFusaro

CONTINUA SU: https://www.radioradio.it/2022/06/la-madonna-di-cremona-assume-forme-dissacranti-il-capitalismo-non-sa-piu-che-farsene-del-sacro/