L’antica Zakhiku torna alla luce dopo 3400 anni.

E’ stata fatta un’altra straordinaria scoperta archeologica in Iraq.

A causa di una forte siccità del fiume Tigri, è emersa una città di 3400 anni fa.

Un’equipe di archeologi tedeschi e curdi, ha portato a termine gli scavi di una città dell’era dell’Impero Mittani.

L’insediamento è emerso dalle acque del bacino idrico di Mosul all’inizio di quest’anno, quando il livello dell’acqua è diminuito rapidamente a causa dell’estrema siccità in corso.

Questo evento imprevisto ha messo gli archeologi sotto pressione proprio perchè era necessario scavare e documentare in fretta, prima che venisse nuovamente sommersa dalle acque, come poi è successo.

L’estesa città con numerosi palazzi e diversi grandi edifici potrebbe essere l’antica Zakhiku, distrutta da un terremoto intorno al 1350 aC

I ricercatori In breve tempo sono riusciti a mappare una gran parte della città.

Sono già stati documentati durante una breve campagna nel 2018 numerosi oggetti, utensili e vasi.

Il sito,è ora di nuovo completamente sommerso e per evitare ulteriori danni causati dall’innalzamento dell’acqua, gli edifici scavati sono stati completamente ricoperti con teli di plastica e ricoperti di ghiaia.

E’ stato realizzato un progetto molto vasto nell’ambito di conservazione del sitio, finanziato dalla Fondazione Gerda Henkel.

Abbonati a questo canale per sostenere il nostro lavoro:
https://www.youtube.com/channel/UCifEuV9Xj_0N19Zok0ZQDPg/join