L’ipocrisia di Elly Schlein e delle finte lotte della sinistra fucsia – Diego Fusaro

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

Quella della #sinistra #neoliberale continua a essere una parabola metamorfica davvero degna di nota, a tal punto che la sinistra fucsia, neoliberale e post-moderna è divenuta rapidamente ciò contro cui #Marx prima e #Gramsci dopo combatterono e insegnarono a combattere. Nulla di più distante, in effetti, delle lotte delle sinistre fucsia arcobaleno contemporanee rispetto alle lotte che furono di Marx e di Gramsci. Se Marx e Gramsci sotto il segno del rosso e della falce e il martello combattevano per una società emancipata di individui egualmente liberi, in cui il lavoro fosse liberato e la lotta fosse condotta anche contro l’imperialismo come figura estrema della lotta di classe su scala planetaria, ebbene la #NewLeft fucsia arcobaleno ha totalmente obliato la lotta di classe, la lotta contro l’imperialismo, a tal punto che è divenuta parte integrante della lotta di classe gestita dall’alto contro le classi lavoratrici e difende apertamente l’imperialismo, proclamandolo vettore dei diritti umani e della democrazia. Una metamorfosi davvero kafkiana, che ha portato la sinistra da essere #comunista rossa e falce e martello a essere oggi fucsia, arcobaleno e amica del capitale e della sua visione del mondo. Ecco perché, sotto questo riguardo, non deve essere trascurata l’affermazione che #EllySchlein, la nuova protagonista, la nuova stella del firmamento della New Left, ha fatto qualche giorno addietro, quando le è stato chiesto se ella si sentisse comunista.

▷ CONTINUA SU:

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/