L’Ue vuole giudicare la Russia alla Corte penale internazionale, come se fosse super partes

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

Leggo in questi giorni che la von der Leyen ha fatto una proposta dell’Unione Europea davvero notevole. Creeremo un tribunale ad hoc sui crimini della Russia. Così leggo su Ansa.it in data 30 novembre 2022. "Pronta la proposta Unione Europea", scrive Ansa. "Mosca paghi anche per la devastazione con i suoi beni congelati. La Russia deve pagare per i suoi crimini orribili. Collaboreremo con la Corte penale internazionale. Contribuiremo alla creazione di un tribunale specializzato per giudicare i crimini della Russia. Con i nostri partner, ci assicureremo che la Russia paghi per la devastazione che ha causato con i fondi congelati degli oligarchi e i beni della sua banca centrale". E quanto annuncia in un tweet, scrive Ansa.it, la presidente della Commissione dell’Unione europea, Ursula von der Leyen. Ebbene sì, l’Unione europea è pronta a trattare ancora una volta la Russia come uno Stato terrorista, come uno Stato criminale. Del resto, risale a qualche giorno addietro la scelta da parte dell’Unione Europea, sulla scorta di quanto già deciso dalla Nato, di cui l’Unione Europea sempre più si rivela al traino, di considerare la Russia di Putin come uno Stato terrorista. Già si è detto delle conseguenze esiziali di questa scelta, dacché se la Russia di Putin è uno Stato terrorista, allora bisognerà condurre la guerra fino alle sue estreme conseguenze, dacché con i terroristi non è lecito dialogare e negoziare.

▷ CONTINUA SU: https://www.radioradio.it/2022/12/tribunale-russia/

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/