MEDICI MESSI ALL’ANGOLO ▷ LO SFOGO DI GIACOMINI: “LA SANITÀ DEVE ESSERE VICINA AL CITTADINO”

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

▷ COMPILA IL QUESTIONARIO, ASCOLTA LA TUA VOGLIA DI ESPRIMERTI: http://q.opinioni.net/access/radioradio.php?prov=site2

Il Dottor #DarioGiacomini è intervenuto di recente in una manifestazione per ribadire i punti fondamentali del programma dell’associazione ‘#ContiamoCi’: “Noi siamo qui come un anno per chiedere poche cose ma precise: l’abrogazione di questo maledettissimo #obbligovaccinale. Ci avevano detto che era un vaccino che avrebbe impedito il #contagio, è scritto in una legge. E in nome di quella legge, oltre ad aver condannato tanti cittadini alla fame, hanno fatto anche la morale: qualcuno ha detto addirittura che è un ‘atto d’amore’. Chi è adesso che non ha un conoscente contagiato con tre dosi? Allora come la mettiamo? Allora questa legge è giusta o ingiusta? Dobbiamo togliere questa #legge! Quella di vaccinarsi deve essere una scelta libera perché dovremmo vivere in una Nazione libera. Il dissenso non è più accettato non solo negli #Ordiniprofessionali, ma rischia di non essere accettato neanche in #Parlamento, e questa è la cosa più grave. E non è stato accettato all’interno della gran parte delle sigle sindacali”.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

E ancora: “Se questa legge è falsa, devono essere reintegrati tutti i #sanitari in servizio. Negli ultimi dieci anni le politiche sanitarie hanno fatto sì che siano stati chiusi migliaia di ospedali e che siano stati persi tanti sanitari. E adesso il problema quale è? Che i medici non si vaccinano. La politica sanitaria è una politica scellerata a prescindere dalla #pandemia. Loro vogliono dividerci: a me non interessa chi eri, io ti chiedo chi sei oggi e dove vuoi arrivare domani. Abbandoniamo i vecchi schemi mentali, uniamoci veramente, dobbiamo trasformare il nostro cuore. E allora certe divisioni non attecchiranno più. Dobbiamo stare vicini a tutti coloro che soffrono per i danni avversi del vaccino. E chiediamo che venga riconosciuto questo problema, che il #SistemaSanitario Nazionale si prenda di loro gratuitamente con corsie preferenziali“.