Messa, con Pnrr distribuiti 11 mld a Università, ora il salto dalla ricerca al business

Messa, con Pnrr distribuiti 11 mld a Università, ora il salto dalla ricerca al business

Creati strumenti per unire Nord e Sud e favorire donne a parità di merito

(Padova). Messa, con Pnrr distribuiti 11 mld a Università, ora il salto dalla ricerca al business
Creati strumenti per unire Nord e Sud e favorire donne a parità di merito (Riccardo Fani/alanews)

—- Trascrizione generata automaticamente —-
è un momento molto importante perché siamo riusciti in questo anno e mezzo a distribuire a risorse per quasi 11 miliardi di euro del PNR R che vedono le università protagoniste diventano un pochino il centro di una serie di collaborazioni che sono necessarie per passare dalla ricerca al Business che è il tema principale e per fare in modo che questo ricca poi sui giovani questo è uno dei progetti trasversali del PNR quindi ridurre il divario di genere e divario di età e divario territoriale quindi sono secondo me delle strumenti che abbiamo creato che uniscono nord e sud perché sono rette trasversali che includono tutti i territori che chiedono a chi parte a chi ha partecipato di favorire Le donne quando ovviamente c’è una parità di merito E che soprattutto coinvolgono Tanti giovani siano ricercatori e ricercatrici che possono iniziare così a entrare nel mondo della ricerca che innovatori innovatori che io spero riescano a costruire nuova impresa con le tarta te con le spin-off il ruolo generale dell’università italiana in questo momento è quello di rispondere un paese che chiede molte più competenze quindi il ruolo importante è quello di riuscire a trasmettere competenze alle nuova generazione sia quella che chiede l’industria che quella che sono diciamo così i sogni e le aspirazioni dei ragazzi il questo convegno è il personale che qui oggi si riunisce è quello cosiddetto di supporto ma è fondamentale perché è quello che sia da un lato interagisce con gli studenti e dall’altro interagisce con tutto il corpo docente e permette di lavorare Alla fin fine quindi senza di loro non faremo niente sapete dalla legge 240 in poi il direttore generale ha un ruolo anche di responsabilità nella gestione delle risorse quindi Queste sono risorse ingenti soprattutto in atenei come questo dove sono stati vinti in molti progetti anche come coordinatore e io credo che il direttore si stiamo organizzando creano delle ulteriori strutture per il monitoraggio per il controllo perché ovviamente noi saremo soggetti alla controllo europeo della commissione europea che ha delle regole molto precise che vanno rispettate