MINACCIA ASTENSIONISMO ▷ “OGNI VOTO È UN SASSO E SE DAVIDE VUOLE SFIDARE GOLIA HA BISOGNO DI VOTI”

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

▷ COMPILA IL QUESTIONARIO, ASCOLTA LA TUA VOGLIA DI ESPRIMERTI: http://q.opinioni.net/access/radioradio.php?prov=site2

Come in ogni #elezione, si torna sempre a parlare della "#parcondicio", l’insieme di complesse regole che garantisce, alle varie formazioni politiche, la parità di accesso agli spazi nei mezzi di #informazione. In caso di violazione dei regolamenti, l’ente predisposto ad intervenire è l’#Agcom (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni). 

Il concetto sulla carta è buono: dare a ogni #partito politico lo spazio necessario e fare in modo che il tempo di esposizione mediatica sia egualmente distribuito. All’origine della legge c’è lo strapotere mediatico di #Berlusconi che, all’epoca della celebre "discesa in campo", possedeva buona parte del sistema informativo #privato in #Italia.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Ma nella realtà queste regole vengono davvero applicate correttamente? Ad ogni #elezione sono molte le polemiche e, per quanto riguarda quelle che vedremo nel breve periodo, la sensazione è che non sia così. Alcuni nomi sono costantemente in tv, radio, internet, mentre altri si "sentono" meno. Nel caso questa sensazione fosse verificata dai fatti potremmo dire che l’esposizione è proporzionale all’aderenza al pensiero unico? Secondo #GianluigiParagone, ostracizzato spesso per le sue posizioni in controtendenza rispetto al mainstream, "il pensiero unico è un atteggiamento che questo paese ha preso per dato, acquisito, da parecchio tempo. Ricordate come salutarono tutti #MarioMonti? Mario Monti che ha fatto in piccolo quello che Draghi ha fatto in grande".

"È sempre la storia di questa Madonna pellegrina, di questo santo che arriva dall’alto e dovrebbe risolvere tutti i problemi. Ma un santo che arriva dall’alto non risolverà mai i problemi della gente, risolverà i problemi di chi l’ha mandato dall’alto".

Nella condizione generale di overload informativo – comune ad ogni campagna elettorale, ma che abbiamo visto recentemente accentuata dai tempi brevissimi della #campagnaelettorale – in molti sono rimasti indecisi o si astengono dal prendere una posizione. È notizia recente che la percentuale di indecisi ed astenuti si attesta al 41%. Ma non andare a votare è davvero la soluzione? Secondo Gianluigi Paragone, no.

"Non abbandonatevi all’idea dello sconforto, del non #voto, della non partecipazione, ogni singolo voto è un sassolino che ci mettiamo in tasca e siccome penso che di fronte a queste ingiustizie ci sarà sempre un Davide che vuole sfidare Golia, possiamo dire che Davide ha la sua fionda però ha bisogno dei sassolini, ogni voto è un sassolino. Riempiamo le tasche di sassi per consentire a Davide di sconfiggere Golia. È questo il sale della #democrazia, della partecipazione e della militanza. Il tema delle libertà, il diritto di rivendicare i diritti, è fondamentale".