NEOLIBERISMO? PARAGONE DALLA CONTROPARTE ▷ “CON LA PAROLA ‘GRATIS’ TI DANNO L’ILLUSIONE DI VIVERE”

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

Una condivisione intellettuale, quella tra Fabio #Duranti e Gianluigi #Paragone, seguita da un istinto di far valere il diritto alla libera #espressione, nel rispetto del prossimo. "La libertà finisce dove inizia quella dell’altro", affermava #MartinLutherKing.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

"Non hanno ragione quelli che considerano il #popoloitaliano, un popolo che ormai ha smesso di ragionare? Siamo quelli della ‘ #parcondicio ‘ televisiva, è giusto tutto questo?", riflette in diretta Duranti. Paragone non tarda a esprimere la sua: "Proviamo a metterci nei panni delle persone, le stesse che hanno difficoltà nel lavoro o nella condizione familiare, quindi quando arriva a fine giornata arriva stanco. Le fatiche della quotidianità ti hanno svuotato e rimane solo la voglia di distrarti, perciò è normale si preferisca una #trasmissionetelevisiva piuttosto che un #dibattito. Un tempo si avevano più certezze e quindi avevi anche una maggiore serenità nella fase della lettura, della visione di un programma. Oggi siamo affaticati dalla quotidianità ed è uno stress che si riverbera sul potere di acquisto: abbiamo maggiore fatica e meno soldi che ti restano in tasca. La vicenda paradossale è che ti danno, con la parola ‘gratis’, l’illusione di vivere. È il #capitalismo della sorveglianza".

Non manca il riferimento alla recente chiusura della #campagnaelettorale, che ha visto vincere il #centrodestra con al vertice #GiorgiaMeloni, dove il principale obiettivo della maggior parte dei #partiti in corsa è stato quello di screditare mediaticamente il prossimo, senza mostrare veri e propri obiettivi per ricostruire una base solida economica, #politica e #sociale al nostro Paese, ormai allo stremo. "L’unica trasmissione che ha costretto #MarioDraghi a fare ‘macchina indietro’ per andare a rispondere a un #giornalista che continuava a fare domande era la nostra. Quella per noi fu una medaglia, soprattutto il fatto per aver difeso quel servizio. Siamo stati quelli che abbiamo raccontato dello spin off immobiliare delle #banche". Paragone delinea un quadro generale che parte da una mancata comunicazione verso il popolo da parte dei poteri forti, questo porta inevitabilmente a un decentramento di temi e confusione sui passi da compiere per il futuro, continua commentando la questione energetica: "Hai capito perché hanno spostato il tema dall’ #indebitamentopubblico a quello privato? Il passaggio di declinazione è il nuovo paradigma #neoliberista. Mi sembra di vivere una frenetica euforia. Siamo imbambolati, come se avessimo paura di fermarci e di dire ‘saranno ca**i’, oggi le #bollette sono proibitive!".