Nuova Zelanda, l’ultimo discorso di Jacinda Ardern al Parlamento

https://www.youtube.com/watch?v=uv5thgC0_Fw

Roma, 5 apr. (askanews) – Ultimo discorso in Parlamento per la ex premier neozelandese Jacinda Ardern, salutata con una standing ovation al termine del suo intervento. La Ardern ha scioccato la Nuova Zelanda all’inizio di quest’anno quando ha annunciato che si sarebbe dimessa e si sarebbe ritirata dalla politica, affermando di non avere più "abbastanza energie".
Un po’ commossa e con un korowai addosso, tradizionale mantello di piume maori, ha ricordato le sue umili origini in una famiglia di operai e di come non si aspettasse di arrivare a guidare il Paese. "Ho sempre avuto difficoltà a spiegare come mi sono sentita in quel periodo. È stato un incrocio tra il senso del dovere di guidare un treno merci in corsa e l’esserne investiti. E questo probabilmente perché la mia riluttanza a guidare era accompagnata solo da un enorme senso di responsabilità" ha detto durante il suo discorso di ringraziamento.
La Ardern ha guidato la Nuova Zelanda attraverso disastri naturali, la pandemia di Covid-19 e il massacro della moschea di Christchurch del 2019, in cui un uomo armato uccise 51 fedeli musulmani. Ma ha indicato la crisi climatica come la questione più importante del suo periodo in politica.
Afp del 05/04/23 08:28 — ‘I’m a crier and a hugger’: Jacinda Ardern’s emotional farewell to parliament
00:01:42:08 20230405__afp__10343486 00:01:58:12 00:00:16:04 00:04:15:09
"Il cambiamento climatico è una crisi. È su di noi", ha detto.
"E quindi una delle poche cose che chiederò a questo Parlamento al momento della mia partenza è che per favore togliate la politica dal cambiamento climatico".