Odifreddi a Kilimangiaro: la matematica di New York