Patrick Zaki, Noury: “Domani l’udienza definitiva, ma c’è speranza”

Patrick Zaki, Noury: "Domani l’udienza definitiva, ma c’è speranza"

Il portavoce di Amnesty International ha parlato a margine della manifestazione in supporto a Zaki tenutasi a Bologna

CRONACA (Bologna). "Temiamo il peggio, ma speriamo il meglio. La realtà è che molti dei processi celebrati dai tribunali di emergenza, come quello a cui è sottoposto Patrick, durano poche udienze e spesso terminano con una condanna. Ma c’è ancora speranza". Così Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, a margine della manifestazione tenutasi a Bologna in supporto di Patrick Zaki. Lo studente dell’Alma Mater sarà processato domani all’ultima udienza al tribunale di Mansoura, in Egitto, dove rischia la pena massima di cinque anni di reclusione. La sentenza, in caso fosse così deciso dai giudici, sarebbe inappellabile. (Gianluca Notari)

—- Trascrizione generata automaticamente —-
è stato trasferito a marsura perché lì che si svolge il processo domani il trasferimento ogni quadro definitivo verso la religione per niente ci sia Questo trasferimento e perché che domani Lo Giudice stabilisca credo che tu ti aspettiamo perché c’è stato un errore e che Patrick sia riconosciuto innocente quelli che abbiamo da 22 mesi ormai e teniamo il pesce al meglio la realtà è che molti dei processi che sono celebrati dai tribunali di emergenza come quello questo tuo posto Patrick non solo durano poco qualche udienza termina molto spesso con delle condanne Però questo non significa che dobbiamo essere disperati C’è sempre un estensione giorni fa presidente della NG con cui Patrick fatto ricerca è stato graziato dall’accusa di aver insultato la commissione elettorale rischia tre anni di carcere e non ci sono quindi ogni tanto arriva qualche segnale Speriamo che ci sia continuità tra quello che è successo giorni fa è quello che succederà domani le solite risposte che ci vengono date da ultimo è stato creato questo questo termine silenzio operativo che potrebbe sembrare un po’ un ossimoro invece hai voglia dire che si sta lavorando nelle relazioni bilaterali formano pubblica per ottenere un risultato Sì per dare sostanza a quella scritta che campeggia ovunque in Italia free Patrick zaky che non è solo uno slogan è un obiettivo quindi fino a quando non lo raggiungiamo Comunque quella scritta rimane rimangano abitazione Iniziamo da Bologna oggi perché qui che è nato tutto e domani portiamo in decine di altre città italiane a Roma tra le altre Milano Torino Napoli Palermo perché è il segnale che tutta Italia sta chiedendo che Patrick e si è rilasciato il codice della sua città non lo sappiamo ogni volta che ipotizziamo qualcosa poi viene smentito quindi arriviamo così senza fare previsioni è possibile che ci sia un altro rinvio è possibile che venga comunicata la data in cui non l’hai messo il verdetto poi non succedere nulla E certo questi processi fino ad una volta lo dicevo alcuni sono leader della rivoluzione 2011 Prigioniero di coscienza è previsto il 20 dicembre io spero una cosa solo giorno di carcere è stato troppo non arrivare oltre perché il 7 gennaio È Natale dei coppi e vorremmo che faccio il tè nero festeggiasse con i suoi il 7 febbraio saranno due anni dal suo arresto e vorremmo fare niente non arrivare quel giorno a fare un’altra manifestazione che cosa rischia in caso di condanna per il reato di falso e rischia fino a 5 anni di carcere poi ci sono le altre quattro accuse che gli sono state formulate Nel febbraio del 2020 che sono sospese che sono stati annullati quindi 3000 scenari possibili cioè che poi ci sono anche altri processi nei suoi confronti oppure che decadono è tutto imponderabile