PFIZER, “L’EMA AVEVA AMMESSO TUTTO E ANCHE DI PIÙ NEL 2021!” ▷ AVV. HOLZEISEN PRESENTA IL DOCUMENTO

SCARICA QUI IL DOCUMENTO INTEGRALE ▷ https://bit.ly/3TBwVua

Tutta fuffa. Il #decreto legge 44 del 2021 – e molti altri scaturiti dopo – era basato su un’inesattezza scientifica. Per dirla nel linguaggio comune, propaganda, menzogna. Parliamo delle misure con le quali persone sono state trattenute fuori dai locali pubblici, dagli ospedali, e in qualche caso impossibilitate a riprendere i figli a scuola.
Tutto questo per cosa? Per una verità che veniva mormorata a tono basso, il giusto per tenersi alla larga dai debunker che penalizzavano o demonetizzavano chi la divulgasse: "Il vaccino non previene l’#infezione". L’aveva detto ai nostri microfoni il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi nell’epoca in cui non si poteva. Lo stesso lasso di tempo che ora si sostiene non essere mai esistito.
I promotori di tutto però non ci stanno: "Ma lo sapevamo dall’inizio", "l’abbiamo sempre saputo", e così via, procedendo per una modifica dei fatti in stile orwelliano.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Ora lo sappiamo. E per bocca dei massimi vertici di #Pfizer, che dopo l’audizione al Parlamento Europeo un’altra domanda l’hanno stimolata: dov’erano #Ema e Aifa all’epoca dei fatti? Perché non ci hanno tutelato?
Ebbene, la risposta ce l’ha l’avvocato Renate #Holzeisen, attiva da sempre sul campo e da subito attenta sulla relazione dell’Ema datata febbraio 2021, dove non solo si mette in discussione la capacità della sostanza Comirnaty di prevenire l’infezione da Sars-CoV 2, ma anche la possibilità che prevenga i sintomi gravi.
Un altro grande cavallo di battaglia per promuovere obblighi e restrizioni è caduto. E l’ha fatto a inizio 2021, al principio di tutto.

Approfondiamo a ‘Un Giorno Speciale’ con l’Avv. Renate Holzeisen e Fabio Duranti.