Pnrr, l’allarme di Unioncamere: “Snellimento burocrazia o opere rimarranno ferme al palo”

Pnrr, l’allarme di Unioncamere: "Snellimento burocrazia o opere rimarranno ferme al palo"

Il presidente Prete: "Solo segnali da parte del Governo, aspettiamo i fatti"

(Rho). "In Italia i tempi della burocrazia potrebbero impedire la realizzazione delle opere previste nel Pnrr. Nel nostro Paese servono in media quindici anni per gestire un opera di cento milioni di Euro, non è pensabile, stante così le cose, che entro il 2026 si raggiungano gli obiettivi imposti dall’Unione Europea". Questo il preoccupante allarme lanciato dal presidente di Unioncamere Andrea Prete a margine di Micam, la fiera internazionale della calzatura. "Dal Governo al momento solo primi segnali incoraggianti", ha concluso Prete, "ora però ci aspettiamo i fatti". (Luca Perillo/alanews)

—- Trascrizione generata automaticamente —-
uno dei motivi di preoccupazione del Piano Nazionale ripresa e residenza Secondo me è quello di avere una burocrazia ancora farraginosa che potrebbe dire di rispettare i tempi del piano a per la realizzazione delle opere L’Italia è in questo deve recuperare tantissimo abbiamo una media di un iniziativa del valore di 100 milioni normalmente in Italia è gestita in 15 anni questi sono tempi che non ci possiamo più consentire Per cui dobbiamo assolutamente accelerare i processi di semplificazione e impedire che qualsiasi opere infrastrutturali possa essere bloccata per un non nulla però cambia qualcosa secondo lei secondo voi veramente rischiamo di non andare bene perché i tempi sono strettissimi completare l’opera entro il 2026 è un’impresa Siamo al 2021 per un paese che per una progettazione di un porto turistico è capace di metterci per dare tutte le autorizzazioni Però aspettiamo il papà bastano al momento passa non bastano come inizio Però aspettiamo infatti