Polonia, Draghi: “Chiarezza su principi UE, apertura a dialogo”

Polonia, Draghi: "Chiarezza su principi UE, apertura a dialogo"

"Molto importante il linguaggio, dobbiamo rispettare posizioni"

POLITICA (Bruxelles). "L’essenza della discussione sulla Polonia è che non ci sono alternative: le regole sono chiare. Quel che è stato messo in discussione non è la legge secondaria dell’UE, ma il Trattato, la legge primaria. Quando è messa in discussione la base dell’UE la Commissione non può che andare avanti. "Detto questo, è importante mantenere una strada politica aperta con la Polonia. Quindi, servono estrema chiarezza sulla difesa dei principi dell’UE, ma anche grande disponibilità a continuare il dialogo. In questo è molto importante il linguaggio, il rispetto di posizioni che non condividiamo, ma che dobbiamo rispettare". Così il premier Mario Draghi in conferenza stampa dopo il Consiglio europeo. (Giulia Torbidoni/alanews)

—- Trascrizione generata automaticamente —-
l’essenza della discussione sulla Polonia è che non ci sono non ci sono alternative Le regole sono chiare quello che è stato messo in discussione non è la legge secondaria dell’Unione come successo In altri casi è che sono i casi sempre citati a difesa della della situazione dell’iniziativa polacca ma è la legge primaria è il Trattato che è stato messo in discussione e non ci sono alternative Le regole sono chiare su questo vanno messe in discussione la base dell’Unione chiaro che la commissione Non può far altro che andare avanti detto questo dice Sei importantissimo mantenere un dialogo con la Polonia mantenere una strada politica aperta con la Polonia quindi sono questi due questi due aspetti aspetti che devono man mano riconciliarsi dovrei andare avanti su questo estrema chiarezza sulla difesa dei Principi dell’Unione grande disponibilità a continuare il dialogo politico tutto questo è molto importante e anche questo è stato detto durante le discussioni è molto importante il linguaggio è molto importante il rispetto di posizioni che non condividiamo Ma che dobbiamo rispettare