PROPAGANDA DI GUERRA, TONFO DELLE PRIME PAGINE MAINSTREAM ▷ “ALCUNE NOTIZIE ERANO DEL TUTTO FALSE”

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

Nessun progresso dal fronte bellico Russia-Ucraina, la possibilità di una soluzione diplomatica tra #Putin e #Zelensky sembra essere ancora lontana. L’ #opinionepubblica rimane salda nel condannare la guerra ‘materiale’ ma si divide in due fazioni contrapposte per quanto riguarda la questione ideologica: c’è chi si schiera dalla parte del Presidente ucraino e chi mette in dubbio le azioni di quest’ultimo che, di fronte alle principali notizie dei giornali, sembrano essere volte esclusivamente a difesa della #democrazia. Una narrazione quasi da favola, con tanto di protagonista e antagonista. Ma è davvero così?

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

La retorica del cavaliere senza macchia e senza paura fa parte – in Europa come in Russia – di un ben sottile meccanismo di propaganda a cui non interessa la verità dal momento in cui deve esclusivamente disumanizzare il nemico e portare acqua al proprio mulino. Così si generano dissonanze informative totali o parziali, come un’immagine sbattuta in prima pagina e decontestualizzata; o addirittura la pubblicazione di #notizie senza che vi sia un reale riscontro, salvo poi correggersi settimane dopo in un piccolissimo trafiletto a pagina 20.

"C’è anche una gerarchia delle notizie e i giornali questa cosa la sanno benissimo. Se in questo meccanismo c’è una #manipolazione costante e c’è, noi siamo esposti a una falsificazione delle notizie data dalle emozioni". Così afferma in diretta l’Onorevole #PinoCabras, Presidente di Alternativa, ponendo particolare attenzione alla disinformazione circolante soprattutto in Occidente; il caso del Teatro di Mariupol è solo l’ultimo di una serie di notizie faziose e non verificate. Informare ed essere informati è un diritto alla base della nostra #Costituzione, ma è importante anche valutarne il modo che spesso tramuta l’informazione obiettiva e trasparente in propaganda, soprattutto in tempi di guerra: "Non dobbiamo fare un ragionamento cinico ma questa è la guerra reale. Poi c’è la guerra della percezione che è molto pericolosa perché porta a polarizzare e a non riconoscere la distribuzione dei torti e delle colpe. Questo pone un problema di percezione della realtà". Eccola l’importanza che assume il #giornalismo per la formazione della coscienza individuale e collettiva, da sempre in balia degli ‘orrori’ di penna ormai ricorrenti all’interno delle redazioni giornalistiche.

Ecco il suo intervento a Un Giorno Speciale, assieme a Fabio #Duranti e Francesco Vergovich.