QUANDO L’AIFA RITIRÒ DAL MERCATO I VACCINI TRIVALENTI ▷ “OGGI LE MULTINAZIONALI NON LO PERMETTONO”

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

I #vaccini sono stati il tema del quale si è più discusso in questi anni insieme alla pandemia. Come sappiamo molte sono le inesattezze che sono state dette e per riportare un po’ di verità oggi vogliamo parlare dei vaccini che sono stati ritirati. Nel 2006 l’AIFA (l’Agenzia Italiana del Farmaco), ritira dal commercio il vaccino anti morbillo-rosolia-parotite, dopo aver registrato un maggior numero di reazioni avverse di tipo allergico. La situazione sembra però sia cambiata rispetto al passato, nuovi player sono entrati in gioco e il pubblico sembra scomparire a favore del privato. I meccanismi di produzione e controllo non sono più chiari come una volta, quindi, per parlare della questione abbiamo chiesto ad Alessandro Meluzzi d’intervenire:

"È cambiata la Committenza e l’esecuzione della Committenza. Ai tempi dei vecchi vaccini, c’era il Ministero della Sanità e c’erano tutt’al più gli ospedali e l’università che proponevano la realizzazione di un vaccino ad esempio al vecchio istituto Sclavo di Siena. Il vecchio istituto Sclavo, sotto la guida del Ministero della #sanità produceva il vaccino. Se il #vaccino funzionava, bene, se non funzionava veniva ritirato. Oggi la committenza è cambiata perché decide una multinazionale che si chiama #Moderna, #pfizer e Astra Zeneca che ordinano ai governi nazionali che cosa si deve fare, attraverso un ente privato che controlla che è l’OMS e quindi né medici né università né ministero della sanità possono opporsi ad un dictat, che ha un contenuto esclusivamente o principalmente commerciale. Devono guadagnare, quanto le banche devono recuperare di quello che hanno investito, e più".

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Condividi: