“SE C’È UN ALLARME DEMOCRATICO, È RAPPRESENTATO PROPRIO DA LUI” ▷ PARAGONE SI SCAGLIA CONTRO LETTA

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

▷ COMPILA IL QUESTIONARIO, ASCOLTA LA TUA VOGLIA DI ESPRIMERTI: http://q.opinioni.net/access/radioradio.php?prov=site2

Le #sanzioni imposte dall’#UnioneEuropea alla #Russia stanno affossando l’#industria italiana. E sebbene questo appaia ormai con un fatto, c’è chi non riesce a vedere al di là del proprio naso, continuando a ripetere – come fosse un mantra – la necessità di dare sostegno al #popoloucraino. Ma se questo sostegno si trasforma per noi in una condanna? Il Senatore #GianluigiParagone, leader di #Italexit, esprime in diretta tutta la sua contrarietà rispetto alla politica adottata in favore di #Kiev.

Buoni o cattivi? Questione di interesse
“È il senso di recitare la pastorale buonista e poi il senso di distruggere il #tessutoimprenditoriale italiano. È come se gli italiani avessero la colpa di essere ricchi di patrimoni personali, familiari e di piccoli imprenditori nonché la colpa di essere bravi: il famoso ‘calabrone italiano’, l’#economiaitaliana era un po’ come il volo del calabrone, che vola nonostante non si sappia come faccia a volare. Noi diamo fastidio. Le sanzioni non servono a nulla e il discorso buoni-cattivi non ha alcun senso perché ognuno è buono o cattivo a seconda dell’interesse. Adesso l’#Iran è disponibile a coprire il fabbisogno europeo di #energia? Era nella colonnina dei cattivi fino a poco tempo fa. L’#Azerbaijan è buono o cattivo? Se andiamo a chiedere all’#Egitto di darci il #gas, è lo stesso Egitto a cui chiediamo verità per #GiulioRegeni? La Storia è piena di cattivi che sono stati tolti dagli americani per mettere dei buoni, che poi diventavano cattivi”.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Un vile ricatto
“Non spetta a noi fare l’esame del sangue ai buoni e ai cattivi perché altrimenti dobbiamo anche guardare con la lente di ingrandimento quello che fa l’#America in giro per il mondo. Ma non m’interessa, io in questo momento devo pensare a quel che succede nel mio Paese. E mi sono rotto le scatole di questo buonismo. Ora #Letta dice ‘c’è un’allarme democrazia’: sì, è il loro, perché non c’è nulla di più anti-democratico della falsità dei finti buoni. Mi sono rotto le p**lle dei buoni che devono dimostrare di essere buoni: hanno distrutto l’#economia, stanno distruggendo le famiglie. Se tu metti l’#obbligovaccinale a 50 anni è un vile ricatto, sei un bastardo, lo sai benissimo che se un cinquantenne esce dal mondo del lavoro non lo ritrova più. Quindi, il tuo compito non era mettere l’obbligo vaccinale bensì impedire che se perdi il #lavoro a 50 anni non lo ritrovi più perché sei un morto che cammina e sei oberato di debiti. Se c’è un allarme democratico, è esattamente rappresentato da Letta, che praticamente sta dicendo: ‘O fate come vogliamo noi, o siete fuori’. Allora riascoltatevi ‘I buoni e i cattivi’ di #Bennato, è la colonna sonora perfetta. “Noi il 15 settembre saremo a #Roma davanti all’#ENI a fare una manifestazione in cui parleremo dell’utile che ENI ha fatto (7 miliardi di euro) e delle condizioni in cui versano le #famiglie e le #imprese italiane”.