Serve un giubileo del debito: non possiamo strozzare famiglie e imprese per farne arricchire altre

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

In una recente puntata io dicevo che l’#Euro (in generale) ha giovato poco a tutti i paesi perché il #PILRealeProCapite nel ventennio dell’Euro è stato in leggera crescita ma ha certamente nuociuto al nostro dato che è sceso. Così, continuare a fare avanzo primario da decenni, spremendo di #tasse famiglie e imprese tagliando la #spesa, non basta nemmeno a ripagare la quota di #interessi sul #debito in una spirale senza senso e senza uscita. Queste sono elaborazioni tratte dalla mia scuola #MasterBank.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

La #spesapubblica italiana, in percentuale del PIL, è scesa nel decennio prima della #pandemia (dal 2009 al 2019) e in un decennio di rigore e #austerità possiamo sintetizzare di aver avuto una riduzione del 4,85% di spesa pubblica in percentuale del PIL, una crescita del 90% di spesa di interessi sul debito e una crescita in percentuale del PIL reale negativa del 9%. Abbiamo perciò tagliato spesa pubblica e servizi e alzato le tasse per pagare interessi speculativi al sistema finanziario privato, deprimendo la crescita reale.

I dati che ho esposto sono chiari (almeno per chi li voglia comprendere). Noi abbiamo fatto dieci anni di austerity totale perché dovevamo salvare l’Italia dallo #spread. Abbiamo avuto come brillante risultato una riduzione di spesa del 4,85%. Quindi abbiamo tagliato la spesa pubblica e alzato la pressione fiscale per avere questo brillante risultato: una crescita del 90% di spesa sul debito (quindi tutto quell’avanzo che facciamo se lo mangiano gli interessi speculativi del debito). Semmai uno statista si dovrebbe porre il problema di rinegoziare i debiti e dire che serve un giubileo del debito. Non possiamo strozzare le famiglie e le imprese per far arricchire poche famiglie del mondo. E, dall’altro lato, abbiamo ottenuto il risultato di una crescita del PIL in percentuale negativa del -9%.

La ricetta #neoclassica e #neoliberista non funziona perché invece di fare crescere il PIL lo fa decrescere e quindi serve solo a pagare gli interessi speculativi sul debito privato.

#MalvezziQuotidiani – L’Economia Umanistica con #ValerioMalvezzi