Stefano Cucchi, la sorella Ilaria: “Ci piace pensare che Stefano è dell’intera collettività”

Stefano Cucchi, la sorella Ilaria: "Ci piace pensare che Stefano è dell’intera collettività"

"Mio fratello è morto come un ultimo tra gli ultimi, per questo ci battiamo per i diritti di tutti"

(Roma). "Le motivazioni della sentenza della corte d’appello sono state un pugno allo stomaco. Rileggerle mi hanno fatto veramente molto male perché ho rivissuto il dolore di Stefano e il sacrificio che ha dovuto fare la nostra famiglia successivamente. Quella sentenza dice quello che tutti noi sapevamo, ma che è stato difficilissimo far entrare in un’aula di giustizia e cioè: Stefano Cucchi è stato pestato". Così Ilaria Cucchi, partecipando al primo giorno del settimo memorial organizzato per ricordare il fratello a dodici anni dalla sua scomparsa. "Il risultato raggiunto è merito di svariate persone che ritengo degli eroi. Ilaria Cucchi è diventata, a suo malgrado, un personaggio famoso ma in realtà rappresenta tante altre persone che ogni giorno si riconoscono in lei ha continuato -. Ci piace pensare che Stefano non è più solo nostro, ma dell’intera collettività. Mio fratello è morto come un ultimo tra gli ultimi che non hanno voce e per questo ci battiamo per i diritti di tutti". (Davide Di Carlo/alanews)

—- Trascrizione generata automaticamente —-
le motivazioni della sentenza sono state un pugno allo stomaco è stata Sì una vittoria di Vittoria più parlare perché realtà da questa storia ne usciamo tutti sconfitti è per noi Un enorme traguardo ma nonna per desiderio di vendetta ma per l’importanza del riconoscimento della verità Però devo ammettere che leggerla ha fatto veramente male perché in quelle parole ho rivissuto il dolore di Stefano il sacrificio che successivamente ha dovuto fare la nostra famiglia che ha pagato veramente un prezzo troppo alto quella sentenza dice quello che noi sapevamo fin dai primissimi istanti dopo la morte di Stefano ma che è stato difficilissimo da far entrare in un’aula di giustizia e cioè che Stefano Cucchi e non è morto di suo ma è stato per te e alle 8 che devo Il pestaggio non vanno riconosciute nemmeno le attenuanti dato che si sente chiaramente dalla loro viva voce Nelle intercettazioni che si compiacciono per aver ridotto Stefano Cucchi quelle condizioni Devo dire che questo è un risultato che è merito di svariate persone perché io sono dell’opinione che da soli non si fa niente e Ilaria Cucchi è diventata suo malgrado personaggio pubblico un personaggio famoso nella maglia tutti realtà rappresenta tante altre Ilaria Cucchi che ogni giorno si riconoscono in lei per tanti motivi esempio per quel senso di frustrazione che ciascuno di noi prova quando si trova misurarsi con istituzioni che ci diventano as provvisamente ostili il merito dicevo di di questo risulta sicuramente al mio avvocato Fabio Anselmo che ho già diventato anche il mio compagno al dottore userò il dottor Pignatone ha detto Il Cavallone altro che io dovrei fare un elenco e saremo per 12 ore quindi io veramente Ringrazio tutti loro che ritengo dei veri e propri eroi Ecco mi piacerebbe Mi piace pensare che arriverò un giorno nel quale però non ci sarà più bisogno di noi ma tutto questo sarà la normalità Stefano è diventato simbolo di diritti di lotta sociale all’interno di tutte le città d’Italia è una cosa che comunque segna ed è bellissima si è sicuramente il frutto di anni e anni di battaglie di questa è diventata una vera e propria battaglia di civiltà perché questo deve essere ci piace pensare che Stefano non è più solo nostro ma è dell’intera collettività Siamo qui in questi giorni questi due giorni a ricordare Stefano ma ricordiamo tramite lui tutti gli ultimi Stefano è morto come un ultimo tra gli ultimi gli ultimi Non hanno voce e lui siamo qui a battersi per i diritti di tutti non solo di Stefano Stefano a qualcosa che non appartiene più solo a noi