STEFANO RODOTÀ [Parte 4] ▷ LA DIGNITÀ NON HA PREZZO: IL POTERE NON PUÓ VIOLARE LE NOSTRE VITE

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

Il cammino nelle profondità della costituzione italiana prosegue. Guida d’eccezione il prof. Rodotà, la cui esperienza giuridica e capacità di ragionamento sono state raccolte nei filmati di RAI Scuola. Grazie alla sua lucida analisi, Rodotà ci conduce ad esplorare il concetto fondamentale della dignità umana, nodo cardine del dettato costituzionale.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

La dignità, come spiega il prof. Rodotà, viene intesa dalla Costituzione nella sua complessità, nella sua sfera totale e invalicabile. L’art.3 in particolare sottolinea come tutti i cittadini abbiano parità sociale. In tal senso allora questa assume un carattere collettivo, un significato relazionale con gli altri. Solo comprendendo l’uomo nella sua esistenza individuale e collettiva la dignità si configura come un tessuto, una trama civile che collega virtuosamente tutti cittadini.

La dignità così concepita assume allora anche una funzione di contropotere rispetto alle invadenze del potere politico ed economico. Una vita dignitosa si definisce in contrapposizione alle disuguaglianze di un capitalismo senza freni e in grado di incrinare, con le sue disparità sociali, la stessa capacità solidale della nostra struttura sociale.

Enrico Michetti e Fabio Duranti commentano le parole del prof. Rodotà