Terremoto Euro, scritto nero su bianco il baratro dell’Italia: anche Eurostat sancisce il disastro

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

Il Pil italiano cresce di molto poco rispetto ad altri paesi. Questi sono dati #Eurostat. Nel periodo in cui la Germania è cresciuta in termini di #PIL reale di circa il 32%, il 35% circa la Spagna e del 45% circa il Belgio, del 48% la Francia, del 64% il Regno Unito. Il nostro Paese cresce soltanto del 4,9%.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Ritorniamo allora a porre la domanda centrale: che senso ha continuare a fare surplus di bilancio, tagliando i servizi da un quarto di secolo se il PIL non cresce? Quello che non tutti i cittadini sanno è che nel periodo di 25, dal 1995 al 2020, i paesi europei crescono i modo molto diversificato, la Germania, la Spagna, il Belgio e il Regno Unito crescono molto più di noi. L’Italia è il paese che più ha sofferto quella moneta senza stato che si chiama #Euro.

Il problema è quello di una moneta troppo leggera per alcuni paesi, come la Germania, e troppo pesante per altri, come l’Italia. Noi non abbiamo più potuto svalutare la nostra moneta e non abbiamo più potuto essere competitivi. L’unica svalutazione che abbiamo potuto fare si chiama svalutazione salariale.

Lavorando con i #commercialisti ho il polso della situazione e oggi questa svalutazione salariale colpisce anche i liberi professionisti o piccoli imprenditori