TRAVAGLIO SCATENATO DA LILLI GRUBER ▷ “SENTO UN’ARIA DI REGIME CHE È PARTITA DAI TEMPI DEL VIRUS”

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

Il popolo politico viene scosso ancora una volta.
Dopo che il discorso sull’#antifascismo dello scrittore Antonio #Scurati non è andato in onda a "Chesarà…" come previsto.
In realtà poi l’ordine dei fatti vede il monologo distribuito ovunque, a partire dalla conduttrice Serena Bortone che lo ha letto in diretta.
In prossimità del 25 aprile partono con forza le critiche a RAI e Meloni per una presunta #censura ai danni dello scrittore, che dopo lo "scandalo" ha visto un boom di ristampe dei suoi libri, riporta AdnKronos. Monta la protesta, l’ennesima, su un fascismo in via di resurrezione: il monologo è ricondiviso ovunque, anche dalla Meloni stessa.

"La Rai – scrive la premier sui social – risponde di essersi semplicemente rifiutata di pagare 1800 euro per un minuto di monologo". Scusa non accettata dal pubblico. Solo qualche tempo fa il Corriere della Sera intitolava: "Il professor Alessandro Orsini a Cartabianca e i 2.000 euro a puntata: Romano (Pd): «La Rai non paghi i pifferai di Putin»".

Sarà per il fatto che la polemica su una presunta censura, annessa al fascismo, è una cosa di vecchia data e di alta frequenza, che allora Marco Travaglio, direttore de Il Fatto Quotidiano, è intervenuto a gamba tesa da Lilli Gruber precedentemente il caso Scurati, ma dopo il caso Canfora.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/