TURCHIA, ERDOGAN AL BALLOTTAGGIO SPOSTA GLI EQUILIBRI ▷ PICCARDO: “ZELENSKY HA UMILIATO IL PAPA”

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

In Turchia il clima è incandescente, il 14 maggi si sono tenute le elezioni nazionali e con grande sorpresa il Presidente uscente Recep Tayyip #Erdogan non ha superato il 50% delle preferenze, finendo così al ballottaggio con il leader dell’opposizione Kemal Kilicdaroglu. Una situazione anomala viste le ultime tornate elettorali in Turchia, ma non così inaspettata, come segnala il direttore de "La Luce" Davide Piccardo: "C’è chi si è stupito del fatto che si sia arrivati al ballottaggio. Ovviamente anche qui ci sono grandi campagne sul fatto che Erdogan è brutto, cattivo e quini è meglio l’altro e bisogna assolutamente fare in modo che il Sultano perda il potere. C’è da rilevare un dato sulla questione democratica, per queste elezioni la partecipazione è stata del 90%, quindi un dato che noi in Italia possiamo solo sognare".

La differenza con la situazione italiana, confermata dalle ultime municipali è netta, sottolinea Piccardo: "Un popolo è stato derubato della propria sovranità, e nel momento che se n’è reso conto boicotta il processo elettorale, invece in #Turchia il 90% dei cittadini va a votare. Significa che comunque hanno la percezione, giusta o sbagliata, che comunque le loro decisioni contino qualcosa".

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Condividi: