ULTIMI SONDAGGI: TERREMOTO TRA I GRANDI PARTITI ▷ ELEZIONI SUL FILO DEL RASOIO: “GIÙ LEGA E M5S”

Un’estate di #campagnaelettorale. All’indomani delle dimissioni di #MarioDraghi e dell’uscita di scena del suo “#Governo di unità nazionale” (ancora in carico solo per il disbrigo degli affari correnti), i partiti vanno di corsa. Obiettivo: arrivare primi alle #elezioni del 25 settembre. “Adesso faranno tutti credere che avranno la soluzione in tasca per la soluzione del Paese, ma non ce l’ha nessuno. Comincia ora il festival della #propaganda. Sta agli italiani scegliere i contenuti invece che le chiacchiere”. Così #MarcoAntonellis, retroscenista politico.

Cosa dicono i sondaggi
L’ultimo #sondaggio di #YouTrend, intanto, vede al primo e al secondo posto #fratelliditalia (23,8%) e #PD (22,5%), seguiti da #Lega (13,4%), #M5S (9,8%) e #ForzaItalia (8,3%). Ma quanto valgono i sondaggi : “Vanno presi con intelligenza. Non sono il Vangelo, possono dare una mano a spiegare ma raramente ci azzeccano al 100%, spesso hanno preso abbagli clamorosi”.

Le possibili mosse di Giorgia Meloni
#GiorgiaMeloni, forte di queste cifre, potrebbe già pregustare la #premiership. Ma potrebbe anche fare un passo indietro. “Potrebbe diventare premier ma dipende se se la sente: in una situazione del genere fai presto a bruciarti, lo abbiamo visto con #Renzi e #Salvini. Bisognerà vedere poi con quale percentuale di voti esce fuori, e se sono d’accordo gli alleati di governo, Salvini e #Berlusconi. Poi c’è sempre un Presidente del Consiglio che deve dare l’incarico. Lei stessa potrebbe decidere di fare un po’ di rodaggio al Ministero degli Esteri per accreditarsi ai poteri internazionali, accreditamento che a oggi è scarso, altrimenti rischia di fare la fine di Berlusconi, ossia che viene defenestrata a colpi di #spread. Potrebbe dare lei le carte, fare la #kingmaker e al giro successivo puntare lei alla premiership”.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Pericolo astensionismo
E intanto c’è chi inizia a parlare di un possibile #astensionismo da parte degli italiani. “Sarà in crescita, questo sì. Più la gente si astiene, più vincono i partiti organizzati in correnti e clientele: vince il voto organizzato. I #partiti meno strutturati, invece, hanno più difficoltà in questo caso. Credo che stavolta gli italiani andranno a votare. Saranno elezioni spartiacque tra un modo di intendere la politica autarchico e indipendentista e uno filoamericano, europeista”.

Matteo Renzi: king maker o irrilevante?
Dubbi anche sul ruolo di #MatteoRenzi, fondamentale alle scorse elezioni: “Avrà un ruolo di suggeritore, proverà a fare il king maker ma difficilmente ci riuscirà. Proverà a dare la linea al PD e al #centrosinistra, ma prenderà pochi voti”.

Il futuro di Draghi
Per quanto riguarda l’ex inquilino di #PalazzoChigi, non manca chi lo vede come un possibile sostituto di #Sergio Mattarella. “Mattarella è intenzionato a nominarlo Senatore a vita e non è detto comunque che vada avanti per sette anni: se dovesse andare a Palazzo Chigi una personalità molto marcata di centrodestra, aumenterebbero le pressioni di #Washington e #Bruxelles di portare Draghi al #Quirinale per blindare l’#Italia nell’asse euroatlantico“.