VACCINI, BOURLA RICHIAMATO IN AUDIZIONE ▷ “VON DER LEYEN PERÒ NON È STATA CHIAMATA”

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

Non si può non parlare del discorso di #GiorgiaMeloni alla #CameradeiDeputati. Le sue sono state parole belle, condivisibili, ma continuo a credere che sul #Covid bisogna darsi una mossa, cancellando quanto prima gli obblighi e le #restrizioni. Per non parlare della necessità di fare chiarezza sulla gestione della #campagnavaccinale. A tal proposito, però, qualcosa sembrerebbe muoversi: pare infatti che la commissione d’inchiesta proposta da #RiccardoMolinari (#Lega) si possa fare.

A onor del vero, però, il neo-Presidente del Consiglio sul punto è stato chiaro: ‘L’#Italia ha adottato le misure più restrittive dell’intero #Occidente e nonostante questo ha registrato i peggiori dati di mortalità e di #contagi: non replicheremo in alcun modo quel modello’. Mi pare evidente, dunque: il virus sarà uno dei grandi temi dell’#opposizione perché se dovessero risalire i contagi, subito #Speranza e soci attaccherebbero il #Governo.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Ma la #pandemia continua a far tremare i polsi anche a #Bruxelles. Tramite l’Onorevole #FrancescaDonato, il #ParlamentoEuropeo ha invitato per una seconda volta #AlbertBourla in #audizione. Perché? E’ bene ricordare i numerosi messaggi scambiati dal CEO di #Pfizer con Ursula von der Leyen quando c’era da stipulare i contratti sui #vaccini. Messaggi di cui, a oggi, tutti ignorano il contenuto, anche perché la numero uno della Commissione Europea non ci ha girato molto intorno: quei messaggi non esistono più. Cancellati. Spariti. Puff. Bourla era stato chiamato in audizione al Parlamento proprio per riferire in merito a quello scambio. Peccato non si fosse presentato, mandando al suo posto #JanineSmall che, ironia della sorte, aveva fatto più danni che altro, ammettendo l’assenza di controlli sui vaccini.

Adesso, quindi, il CEO di Pfizer è atteso nuovamente a Strasburgo. Non contento, stavolta il Parlamento Europeo chiede l’accesso a tutti i documenti relativi alle negoziazioni preliminari del contratto sui vaccini nonché l’invio di una lettera alla von der Leyen per lamentare la mancanza di trasparenza sul tema. L’aspetto curioso, però, è che il Parlamento non ha accettato di chiamare in audizione anche la stessa Presidente della Commissione. Vedremo…