Ennesimo colpo basso da Bruxelles: le nuove norme dimezzeranno i raccolti degli agricoltori italiani

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

Torniamo oggi a parlare di #Bruxelles e delle sue regole. Dal 2024, a causa delle decisioni prese da Bruxelles, le culture agricole dovranno essere alternate ogni anno per garantire una biodiversità e una sostenibilità del terreno. Questo cambiamento comporta sfide per le imprese agricole che devono rispettare contratti con i fornitori e garantire determinate quantità di grano e di mais.
Le possibili soluzioni sono quelle di dedicare metà dei terreni alla coltivazione storica il primo anno e l’altra metà al secondo anno, ottenendo però un raccolto dimezzato, oppure non rispettare la norma rinunciando però agli incentivi comunitari. Questo cambiamento avrà un impatto significativo sulle grandi pianure italiane con una riduzione delle colture di mais nel nord e di grano duro nel sud. Dove quest’ultimo peraltro rappresenta l’unica opzione realistica a causa del clima arido e questo potrebbe portare gli agricoltori a non coltivare più i campi a causa delle norme stringenti.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Condividi: