I giornali si svegliano ora sulla censura, ma è solo un bluff: dov’eravate su “no-vax” e Russia?

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

E adesso gli araldi del monopolio del discorso e gli autoproclamati goffamente professionisti dell’informazione si stracciano a più non posso le vesti per la censura anti-israeliana. Ad esempio, sul #Corriere della Sera si parla in questi giorni con preoccupazione di, leggo dal Corriere, con certi saltati, articoli rimossi, #censura anti-israeliana dall’#Eurovision ad Amos Oz. Premetto che trovo sempre la censura una risposta sbagliata, quali che siano le idee espresse.

Anche le idee più false, infatti, hanno il diritto di esprimersi liberamente, da che il contrario del falso è sempre il vero, mai la censura. Ciò detto, e dunque sgomberato il campo circa ogni possibile connivenza da parte mia con la censura in ogni sua forma, mi pare davvero surreale il fatto che ora, come ciaula di #pirandello che scopre la luna, i professionisti dell’informazione scoprano l’orrore della censura. Proprio loro che finora non avevano fatto motto contro la censura, o che anzi in molti casi l’avevano praticata abbondantemente o comunque legittimata in modo più o meno aperto.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Condividi: