La Russia la dice tutta sugli USA. E lo ha fatto in faccia all’ONU: sentite cosa ha detto Lavrov

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

Come sapete il Ministro degli Esteri della Federazione Russa ha assunto la presidenza di turno del Consiglio di Sicurezza dell’#ONU a New York. L’Unione Europea, con la solita ipocrisia che la contraddistingue, ha commentato ritenendo assurdo che Mosca si presenti come difensore dei valori dell’organizzazione internazionale.
Quando però erano gli Stati Uniti ad agire in aperta violazione della Carta dell’ONU, come è accaduto in Iraq, come accadde in Libia o bypassando le Nazioni Unite, come successe in Serbia. Nessuno ha battuto ciglia.
Ed è proprio di questo doppiopesismo che una parte del mondo si è stufata.

"Nessuno – ha detto #Lavrov – dà il diritto alla minoranza occidentale di parlare a nome di tutta l’umanità".
Il segretario generale dell’ONU, Antonio #Guterres, ha invece detto che "il sistema multilaterale è sottoposto all’attenzione maggiore da quando è stato creato l’ONU. E queste tensioni tra le maggiori potenze sono ora ai massimi storici.
E così vi sono i rischi di un possibile conflitto mondiale".
Queste sfide globali possono essere risolte, secondo il segretario generale dell’ONU, "solo con il rispetto del diritto internazionale".
Ma è a questo punto che Lavrov riprende di nuovo la parola per dire che gli Stati Uniti intraprendono la strada della distruzione della globalizzazione.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7

"Gli #USA – ha detto Lavrov – stanno cercando di minare il multilateralismo nella regione dell’Asia/Pacifico, imponendo il loro ordine mondiale e andando contro la Carta delle Nazioni Unite". Poi, come ho anticipato prima, ha citato l’invasione americana dell’Iraq, intesa come flagrante violazione della Carta dell’ONU, così come quella della Libia.
Ha concluso dicendo: "Bisogna comportarsi in modo decente e rispettare tutti i membri della comunità internazionale.
Invece gli Stati Uniti, nel disperato tentativo di affermare il proprio dominio attraverso la punizione dei disobbedienti, sono arrivati a distruggere la globalizzazione che per molti anni è stata da loro presentata come il ‘bene supremo’ di tutta l’umanità al servizio del sistema multilaterale dell’economia mondiale".

▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Condividi: