NOAM CHOMSKY HA SPIEGATO DEFINITIVAMENTE IL VERO SENSO DEL GIORNO DELLA MEMORIA

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

"Istruzione non è memorizzare che #Hitler ha ucciso sei milioni di ebrei. Istruzione è capire come sia stato possibile che milioni di persone comuni fossero convinte che fosse necessario farlo. Istruzione è anche imparare a riconoscere i segni della storia se si ripete"

Ha definito così il concetto di "memoria" Noam #Chomsky, filosofo e scienziato statunitense di origine #ebraica. Ed è proprio da questo concetto che prende vita l’editoriale di Fabio Duranti sulla giornata della memoria in cui si ricordano le vittime dell’olocausto.

"Se ci fermiamo a ragionare su questa frase ci rendiamo conto che la memoria non è soltanto dire che un pazzo ha trascinato l’#Europa con sé, Italia compresa ovviamente, per commettere un olocausto, il crimine probabilmente più grave tra i crimini, cioè tentare di distruggere un’intera etnia, un intero popolo. Ecco, ma non è capire perché questo, questa persona, questo figuro aveva in testa questa stronzata, passatemi il termine. Ma perché nessuno si è ribellato? Com’è possibile che milioni e milioni di persone l’abbiano accettata come cosa giusta e non sia stato destituito prima che potesse commettere tutto questo? E allora, attenzione, la giornata della memoria è utile per ricordare più questa seconda cosa e le vittime, se vogliono essere utili per l’umanità futura e per riscattare il dolore che hanno vissuto, soprattutto i sopravvissuti, dovrebbero lavorare ancora per quelli che ancora sono con noi, come ad esempio la signora #Segre".

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Condividi: