Patto di Stabilità? Prima dovremmo sbloccare questi parametri che preoccupano da più di 30 anni

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

Trovo davvero surreale parlare di riforma del patto di stabilità e crescita senza rivedere parametri immobilizzati da oltre 30 anni. Questi criteri, totalmente anacronistici e privi di fondamento teorico o scientifico, riguardano il trattato di #Maastricht: il 60% del rapporto debito/PIL e il 3% del rapporto deficit/PIL.

Un articolo del #Sole24Ore cita un giornale tedesco, riconoscendo che il vincolo del 3% non ha alcuna base, nato solo per le esigenze del governo francese degli anni ’80. Inizialmente mirava a contenere il deficit francese, ma nel 1991 è diventato un vincolo europeo. Le domande cruciali riguardano la mancanza di un vincolo per il deficit estero, favorevole al cartello finanziario internazionale, e l’ignoranza del debito aggregato, che evidenzierebbe l’esposizione insostenibile della #Francia.

Una riforma seria del patto di stabilità e crescita deve affrontare questi vincoli anacronistici, senza alcun fondamento, che svantaggiano l’Italia e favoriscono paesi come #Francia e #Germania. Il 3% e il 60% restano immutati, ma sono il nocciolo del problema che persiste da quasi 40 anni.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Condividi: