“TOGLIETEGLI IL MICROFONO”: AMODEO INTERVIENE ALLA PROTESTA IN RAI, DAL PUBBLICO INVOCANO LA CENSURA

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

"Bisogna difendere la libertà di #stampa e il valore di un servizio pubblico che sia davvero libero e plurale e che non può essere al servizio del governo di turno e della sua propaganda. Faremo un sit-in davanti alla #RAI per difendere il pluralismo e la qualità dell’informazione che è un diritto inalienabile di ogni cittadino.

Dobbiamo iniziare una battaglia affinché la #TV pubblica sia svincolata dalla padronanza di governi e politica, perché la situazione è davvero preoccupante, anche per la libertà stessa dei giornalisti. E quindi fissato per domani, 7 febbraio alle ore 18, davanti alla sede Rai di Viale Mazzini, un sit-in di protesta per chiedere una corretta informazione".

Per queste ragioni il PD ha indetto una protesta nella giornata di ieri davanti la sede Rai centrale. La visione su "Tele-Meloni" però ha lasciato spiazzati sia alcuni giornalisti del servizio pubblico che altri pubblicisti indipendenti, che addirittura hanno convocato un contro-corteo.
Uno di questi è Francesco Amodeo, che intervenendo nel corso dei tumulti ha criticato le ragioni Dem: "In cosa differisce il governo Meloni e la comunicazione dai governi targati PD? Non c’è una singola contrapposizione su temi come l’Europa o l’Ucraina, è il solito teatrino per prender ein giro gli italiani".
Fu così che il corteo anti-censura, invocò la censura nei suoi confronti. Guardate cosa è successo.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Condividi: